Il giudice e il suo boia (che non sono io, ma il suo vizio)

Stamattina ho postato sul mio profilo Facebook la foto e il testo che vedete sopra. Si tratta di un’immagine presa dal profilo del giudice finito nell’inchiesta sul giro di cocaina a Palermo: per lui c’è stato, prima il trasferimento al settore Civile (come se si trattasse di un luogo di ricreazione) poi l’avvio di un procedimento disciplinare.
Le truppe cammellate degli amici del giudice sono andate alla carica, com’era prevedibile, del sottoscritto con argomenti risibili e anche un po’ sgangherati: diffamazione (ma di che?), sciacallaggio (per ottenere cosa? Un buono aperitivo?), benaltrismo (ci sono altre cose più importanti di cui occuparsi: il prezzo delle cartine?), mi faccio pubblicità (con una causa così ovvia?).
Ora, premesso che ontologicamente c’è sempre qualcosa di più importante di cui occuparsi quando uno si occupa dell’amico tuo, c’è un tema ben più importante da affrontare, secondo me.
Ed è il tema che dovrebbe affrontare il CSM.
Questo signore, nei confronti del quale non ho nulla di personale, ma verso il quale – per il rispetto che ho della magistratura – devo mettere in campo tutta la mia intransigenza professionale, oltre ad aver tenuto un comportamento quantomeno incauto nella gestione dei suoi vizi (chiama “compare” il suo spacciatore, tira fuori il tesserino professionale quando gli agenti lo sorprendono e altre amenità), non mostra di avere piena contezza del suo importantissimo ruolo. E la foto postata pubblicamente sul suo profilo Facebook – chiunque la poteva vedere, non ho rubato nulla – mentre fuma con il cartello del divieto ben in vista alle sue spalle, è un elemento di valutazione. Lo è per colpa sua, perché è riuscito a rendere rilevante qualcosa che per chiunque altro sarebbe una fesseria.
A mio parere questa foto che lo mostra mentre fa una cosa sanzionata dalla legge è un tassello che purtroppo va inserito nella sua naturale collocazione quando si tratta di decidere se un professionista del suo livello ha un atteggiamento corretto o meno.
Non ci sono chiacchiere su temi così importanti. Non ci si affida al blabla dei social per stabilire dove sta il diritto. Il mio ruolo professionale è, è stato e sempre sarà, quello di segnalare. Senza pregiudizi.
Al magistrato dico: buona fortuna. Ai suoi amici: stategli vicino.

 

Chi difende i cocainomani?

Lo so che a molti dà allergia che si parli dei vizi dei ricchi o delle debolezze degli amici, però a me questa storia della cocaina a fiumi a Palermo mi dà i tormenti. Un po’ ne ho scritto qui e ne ho parlato altrove. Un po’ l’ho lasciato sedimentare nel caos dei miei pensieri.
Ecco uno spunto.
Abbiamo crocifisso i commercianti che pagavano il pizzo, lo abbiamo fatto nel nome del rispetto delle regole e tutti noi, al di qua della barricata, sappiamo che ci fa orrore il solo pensiero che qualcuno foraggi la criminalità organizzata in una città in cui la criminalità organizzata ha combinato quello che ha combinato.
Ora si scoprono cocainomani insospettabili (???) che vengono guardati con sufficiente e nemmeno troppo malcelata benevolenza perché in fondo sono cazzi loro, e non fanno male a nessuno, e sniffare non è reato penale, e c’è di peggio nell’universo, e via blaterando.
Ebbene no. E non bisogna fare i bacchettoni per ricordare che chi paga il pusher finanzia Cosa Nostra. O credete esclusivamente all’invenzione anarchica di Breaking Bad?
In più, a voler essere pignoli, ci può essere qualche commerciante che – pur sbagliando clamorosamente – ha scelto di cedere all’estorsione per salvaguardare posizione economica e posti di lavoro. Mentre il cocainomane agisce solo per esclusivo e personalissimo tornaconto, per egoismo insomma.
Tutto qui.

Cocaina, privacy e perbenismo

Cocaina, privacy e perbenismo
/

Bella e basta

Per Belen un’estate di nubi. Le vogliono togliere la conduzione di Sanremo, i contratti pubblicitari e il diritto di cittadinanza televisiva in generale. Tutto perché è stata coinvolta nell’inchiesta milanese sulla cocaina.
In tv e sui giornali si discute sulla possibile riabilitazione pubblica, sulla resurrezione dell’immagine di chi ha avuto a che fare con la droga. Speriamo che un giorno si discuta anche del perché una bella ragazza – bella e basta – che parla un italiano goffo con una brutta voce, che non ha idea di cosa sia la recitazione e che in fondo non sa far nulla a parte che mostrarsi, debba presentare il festival di Sanremo, pubblicizzare i prodotti italiani e monopolizzare salotti, divanetti e seggiole di ogni trasmissione televisiva di questo Paese.

Nonostante il suo sedere

Nella vicenda della coca nei locali della movida milanese, spicca la figuraccia del sindaco di Sanremo, e non per la droga ma per lo spaccio di minchiate. Prima dichiara guerra a Belen, nonostante “il suo sedere particolarmente bello”. Poi, dopo essersi informato (operazione che di solito andrebbe svolta prima di dichiarare),  corregge e anzi elogia la professionalità della modella. Il tutto senza un briciolo di imbarazzo.

Cesa (io ricordo)

Certo, uno è tentato di accogliere con sorpresa la decisione del segretario dell’Udc di cacciare via un adepto in odor di droga: un atto così estremo in un partito così conservatore rischia persino di far piacere, se non altro per la novità. Se però poi si riacquista un minimo di memoria, l’entusiasmo si spegne. E tutto torna tragicamente a posto.

Onorevole Cintola, un esamino

Pare che il deputato regionale siciliano dell’Udc Salvatore Cintola sia un consumatore di cocaina. Lui dice che non è vero. Bene, l’onorevole sarà di certo pronto a sottoporsi a un esame tossicologico (o come caspita si chiama). Lo faccia subito. Così, entro il weekend, tutti sapremo se lui mente o se è stato calunniato. Dopodiché ci sarà qualcuno che dovrà chiedere scusa e qualcun altro che dovrà essere cacciato a pedate.

Cuccuruccucu

piero-marrazzo-scandalo-trans

Paloma. Ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi cantava.

Coca e trans

Delle confessioni dell’ex governatore del Lazio c’è un elemento che sta passando come se fosse un dettaglio. L’ammissione da parte del politico di essere un consumatore abituale di cocaina.
Ora, un amministratore pubblico che va a transessuali può essere tollerato, con un certo dispendio di pazienza, almeno fino a quando non apre le porte della politica ai suoi vizi privati.  Ma un amministratore pubblico cocainomane credo che sia un pericolo per la comunità: a parte la famosa capacità di intendere e di volere, resta l’incognita di un possibile ricatto (la droga non si compra negli hard discount).
Quindi sarebbe più socialmente utile parlare di coca che di trans.

Per un pelo

berlusconi_spalle

Certo possiamo spaccare il capello in quattro e trastullarci coi distinguo finto-intellettuali del “parliamo di politica concreta” oppure del “meglio non abbassarsi al suo livello”, o ancora peggio del “non mi interessa come tromba, ma come governa”.
Però quando si scopre che un acclarato spacciatore di  femmine a pagamento del premier Berlusconi è anche un discreto collettore di cocaina e altre droghe, che ha scialacquato in una sola estate lo stipendio della vita di un metalmeccanico, che ha drogato fanciulle per non meglio precisati motivi (spostandosi di pochi meridiani quei motivi sarebbero invece chiarissimi) quel capello viene voglia di strapparselo.
Solo che ognuno ha la testa e la capigliatura che si merita: purtroppo in giro ci sono più capigliature che teste.