Io amo

La foto, dal titolo "L'attesa", è di Cinzia Zerbini (da Flickr)
La foto, dal titolo "L'attesa", è di Cinzia Zerbini (da Flickr)

di Abbattiamo i termosifoni

– Il burro di arachidi e i sofficini (ma mi sforzo di mangiarli solo una volta ogni due o tre anni)
– La leggerezza di spirito
– L’ironia (quella di mio padre in primis)
– L’inverno
– Le scarpe (ma più che amore è quasi dipendenza)
– Molte mie cugine ed entrambi i miei fratelli
– I libri, quelli ben scritti
– Molta tv trash delle emittenti locali scalcinate (mi fa schiattare dal ridere)
– La generosità, mia e altrui
– La mia casa (compreso il marito che c’è dentro)
– I bambini (ma a piccoli gruppi, che altrimenti fanno troppo casino)
– Palermo (nonostante tutto)
– Scrivere mail (piacevole in privato e indispensabile per lavoro)
– L’arte culinaria e quella di addobbare la tavola
– Oscar Wilde
– I due falegnami sotto casa mia (mi divertono moltissimo)
– La grammatica, la sintassi e l’ortografia
– I dialetti e le inflessioni regionali
– Il Natale (perché di rado si riesce a vedere tanti parenti tutti insieme)
– Le isole
– Milioni di altre cose. Che superano di gran lunga quelle che mi danno fastidio.

Sanremo e la pancia degli italiani

La vignetta è di Gianni Allegra
La vignetta è di Gianni Allegra

Prima di cadere in un sonno geriatrico da divano, sono riuscito a prendere qualche appunto sulla prima puntata del Festival di Sanremo. Già il fatto che un nottambulo (come me) si addormenti davanti alla tv è di per sé un giudizio. Comunque…
Bonolis e Laurenti. Funzionano meglio nella pubblicità del caffè.
Roberto Benigni. L’intervento è stiracchiato, ma il parallelismo tra Mina e Berlusconi è geniale. E la lettera di Oscar Wilde è sublime.
Dolcenera. Il testo più facile da imparare: otto-nove parole in tutto.
Fausto Leali. Premio retorica per il Terzo Millennio.
Tricarico. “Sono cane, canissimo”, parole sue.
Marco Carta. Il frutto di un cambio merce con Maria De Filippi. Si aspettano (e si temono) i saldi…
Patty Pravo. Abbandona l’armonia, distratta da un pensiero: il bando d’appalto per il restauro dell’ultimo centimetro quadrato di viso.
Miguel D’Escoto, presidente dell’Assemblea generale Onu. Che impressione sentirlo doppiato da Prodi.
Al Bano. “L’amore è sempre amore”. Al Bano è sempre Al Bano. Purtroppo.

P.S. La vignetta di Gianni Allegra non è in tema col post, ma è talmente bella che andava pubblicata subito.