Dalla parte delle ONG

Dalla parte delle ONG
/

Grillo, scanzati

Grillo tweetQuesta frase di Beppe Grillo, buttata lì di getto e magari figlia di una cultura dell’improvvisazione che può essere preziosa nell’arte ma che è di certo deleteria nella politica, è la dimostrazione di una verità inconfutabile. Va bene l’entusiasmo per i social, va bene la cultura della condivisione ora e subito, va bene la pulsione per il giudizio immediato, va bene persino l’illusione che senza filtro è meglio, va bene tutto ma per comunicare servono comunicatori. Cioè persone che hanno studiato come e quando si porgono le notizie, come si imbastisce una strategia di comunicazione, quanto pesano le parole (che hanno una valenza e non tutti lo sanno) e soprattutto come si evitano le figuracce quando la minchiata è in agguato. I giornalisti, nonostante quello che qualcuno vuol fare credere, servono (anche) a questo. A beccare Beppe Grillo mentre ha il dito sul tasto “invio” e a dirgli: scanzati e fai il tuo mestiere, che io faccio il mio.

Leghista in mare

leghista in mare

Un estratto dall’articolo di oggi su la Repubblica.

“Tutto bene, siamo tornati”, scrive su Facebook il leghista Angelo Ciocca, postando una foto di lui con cinque aspiranti naufraghi, disoccupati e rintronati.
(…)
Ciocca è stato il protagonista di una provocazione mancata che però non ha mancato l’obiettivo. Il candidato alle europee della Lega Nord era salpato l’altro ieri da Lampedusa, assieme a cinque disoccupati, alla volta della Tunisia per contestare le “politiche passive di clandestinità” dell’Europa. Con lo slogan “mare vostro” tentava insomma di scardinare, con la consueta sobrietà leghista, il concetto ormai democraticamente desueto di accoglienza degli immigrati. Ma dopo poche ore di navigazione il “mare vostro” si è incazzato e ha costretto l’imbarcazione battente bandiera padana a tornare da dov’era partita. Missione fallita? No di certo. Il fallimento è infatti solo apparente giacché il merito, del tutto involontario, di Ciocca è quello di aver dimostrato che il mare è di tutti e la disperazione di pochi. La ricerca di un porto sicuro, anche come metafora, deve essere garantita a chiunque e non soltanto a un politico che riesce a far parlare di sé persino nel giorno di silenzio della campagna elettorale. Pensate a un Ciocca affamato, e non pasciuto come appare nelle foto, respinto a cannonate mentre vomita le budella. Pensate a un Ciocca infreddolito, e non infagottato nel Gore-tex, che torna nella sua landa di fame e non nell’hotel dove lo attendono doccia e risottino alla marinara. Ecco, pensate a un Ciocca di questi e ringraziatelo per avervi ricordato senza volerlo a cosa serve un’operazione umanitaria.

Le notizie scontate

Foto di Paolo Beccari
Foto di Paolo Beccari

Le vite perdute degli immigrati clandestini sono un tema ostico per i giornali. Perché sono le cosidette notizie che non fanno notizia, a meno che la conta dei morti e le modalità dei decessi non abbiano a che fare più con un soggetto cinematografico che con un dispaccio di agenzia.
Una volta un direttore di giornale, imponendo la riduzione a notizia in breve di un servizio su un naufragio nel Canale di Sicilia con una trentina di immigrati dispersi, ammonì l’incauto caposervizio: i morti non si contano, si pesano. Non si riferiva alla bilancia, ovviamente, ché il peso di trenta corpi esigeva almeno un titolo a sei colonne. Ma a quel misto di furbizia professionale e ipocrisia borghese che fa dei giornalisti, di moltissimi giornalisti, i campioni mondiali di cinismo.
E’ vero che le vite perdute degli immigrati clandestini non fanno vendere una sola copia in più di giornale, ma è anche vero che la cronaca non è lo scaffale di un supermercato.
Le vere notizie scontate non sono quelle in offerta, ma quelle di cui non si sente il bisogno. Ovvero quelle che spesso, per odioso paradosso, fanno vendere i giornali.

Mezzo adeguato

Dice Maroni che bisogna contrastare i clandestini con ogni mezzo. E’ il primo caso nella storia di dichiarazione di guerra senza un nemico.

Violenza + violenza

La vignetta è di Gianni Allegra
La vignetta è di Gianni Allegra

Un branco di imbecilli a Nettuno dà fuoco a un immigrato “per divertimento”.
Il ministro degli Interni Maroni dichiara che “bisogna essere cattivi coi clandestini”.
Le notizie non si sommano, semmai si sommano i ragionamenti che dalle notizie scaturiscono.
Ecco la mia somma.
C’è una violenza aberrante, frutto della pianta malata dell’ignoranza e del vuoto della ragione. Poi c’è una violenza che si finge strategia, frutto di uno strabismo politico e di una grande approssimazione. Sono violenze diverse, per cause ed effetti. La prima lascia il vuoto dietro di sé, la seconda lo riempie di altro vuoto. La politica dovrebbe essere mattone e cemento per riedificare, consolidare, proteggere. Nelle parole di Maroni è invece solo una pietra da scagliare a occhi bendati.