L’imbarazzo del referendum costituzionale

L'imbarazzo del referendum costituzionale
/

Referendum, sì o no? L’unica certezza è l’epic fail

1478881230-1478881146-what3-40

Della serie dilettanti allo sbaraglio. La lettera inviata da Matteo Renzi e dai Comitati per il Sì agli italiani all’estero per il prossimo referendum contiene un errore nel link del sito ufficiale www.bastaunsi.it. Infatti, dimenticandosi una “n”, l’indirizzo indicato è www.bastausi.it.
Errore colto al balzo dai sostenitori NO che hanno immediatamente registrato il dominio e lo stanno usando per reindirizzare il traffico al loro sito, quello che illustra le ragioni del NO.
Un epic fail insomma, no? (o sì?)

Grazie a Giuseppe Giglio.

Dei delitti e delle scene

di Filippo D’Arpa

Ieri Porta a Porta ha parlato dei recenti delitti italiani. Omettendo di parlare dell’omicidio di quattro leggi da parte degli italiani. Ne parlerà solo quando saranno identificati i 27 milioni che hanno accoltellato alle urne la politica di Silvio Berlusconi. Per l’occasione sarà ricostruito un plastico.

Contarci

Il risultato dei referendum conferma la strana sensazione che abbiamo provato io e mia moglie  ieri sera quando siamo andati a votare. Tutt’intorno a noi facce serie, alcune con un velo di soddisfazione. Tra sconosciuti ci si scambiava sguardi che, osando, avrebbero potuto essere di complicità. A un certo punto un’anziana signora ha detto a se stessa: “Beh, ho fatto il mio dovere”. Come se cercasse consolazione o, al contrario, volesse suonare la carica.

Tutti noi non eravamo andati per votare, ma per contarci.

Fate il vostro gioco

Il gradasso

C’è un vecchio sistema per stanare i gradassi, far loro domande.
Così quando uno dice che i magistrati sono come le Br, è utile chiedergli “tu che facevi quando i magistrati erano assassinati dalle Br?”. E magari suggerire la risposta: “Mi facevo proteggere dalla mafia”.
Oppure quando uno dice che il referendum sul nucleare è stato aggirato proprio per non far votare la popolazione sul nucleare, è utile chiedergli “tu te la faresti costruire una centrale atomica davanti casa?”. E magari suggerire la risposta: “Certo ad Antigua”.

Toh, i referendum

Nessuno lo dice, ma tra un mese ci sono i referendum per argomenti di grande rilevanza. Come spesso accade, tanto per rendere semplici le cose, si vota sì per dire no.
Quindi si vota sì per dire no alla privatizzazione dell’acqua.
Si vota sì per dire no alle centrali nucleari in Italia.
Si vota sì per dire no al legittimo impedimento.
Sull’acqua e sul legittimo impedimento ho le idee abbastanza chiare, quindi voterò sì. Sul nucleare sto riflettendo – e sono ben accetti i vostri contributi anche via e-mail – perché da un lato l’onda dell’emozione del disastro giapponese indurrebbe chiunque a lasciare le cose come sono, dall’altro la certezza che non esiste il nucleare sicuro al cento per cento ci rende tutti un po’ più fatalisti (se un incidente capita a Bolzano piuttosto che in Francia poco cambia per tutti noi). Ma so che il tema è complesso e non voglio dare giudizi trancianti.
Al momento mi preme ricordarvi quel che i media tradizionali hanno ignorato quasi tutti colpevolmente. E cioè che il 12 e il 13 giugno c’è un appuntamento importante per il destino di questo Paese.