Il giornale che odia gli scoop

Non è un segreto e nemmeno un’infamità il fatto che al Giornale di Sicilia di Palermo non piacciano gli scoop.
Dal lontano settembre 1985, quando un giornalista fu licenziato per aver scritto su un altro giornale quel che il Gds non aveva voluto pubblicare, qualcosa è però cambiato.
Allora era accaduto che Francesco La Licata aveva pubblicato su L’Espresso i verbali di alcuni pentiti di mafia, dopo che i vertici di via Lincoln non si erano dichiarati interessati all’argomento.
C’era stato un gran casino: sciopero, mobilitazione della stampa nazionale, riassunzione del giornalista.
La Licata, dopo un paio d’anni di caienna (costretto a passare le pagine di Enna), era riuscito a fuggire: oggi è editorialista per La Stampa.
Nel corso del tempo, il Gds, ha cambiato strategia. E anche i giornalisti sono cambiati, nel senso fisico: al giornale c’è stato un enorme ricambio professionale. Via i vecchi, prepensionati. Via i giovani troppo ambiziosi, costretti a calare le corna. Via i non allineati.
Tralasciando decine di episodi degli anni Novanta, alcuni anche grottescamente divertenti, arriviamo alla fine del 2007, quando un cronista ha quella che si definisce “una signora notizia”.
Il pentimento di un boss.
Il giornalista in questione viene sottoposto al terzo grado. Ma non dalle forze dell’ordine, ché l’articolo ancora non lo ha scritto (anche se ci fu un caso in cui fummo tutti deportati in procura per un pezzo mai scritto), ma dalla direzione del Gds. Risultato: non se ne fa niente. Il cronista non convince i suoi capi.
Ovviamente l’indomani la Repubblica ha la notizia, il Giornale di Sicilia no.
E siamo a oggi.
Leggo su La Stampa uno scoop di Riccardo Arena: “Trovato un assegno di Silvio Berlusconi destinato a Vito Ciancimino”.
Salto sulla sedia e non solo per la notizia.
Riccardo Arena è il cronista giudiziario del Giornale di Sicilia. Eppure sulla prima pagina del Gds (a differenza de La Stampa che ha un richiamo) non vedo niente.
Poi per fortuna cercando all’interno trovo un pezzullo.
Sì, la situazione al Gds è nettamente migliorata: gli scoop restano ancora materia ostica, però almeno i giornalisti non vengono più strapazzati in ossequio alla vecchia regola che ancora qualcuno tra i sopravvissuti di via Lincoln ricorda: curnutu cu porta ‘na notizia.

Pubblicato da

Gery Palazzotto

Palermo. Classe 1963. Sei-sette vite vissute sempre sbagliando da solo. Sportivo nonostante tutto.

10 commenti su “Il giornale che odia gli scoop”

  1. Sapete qual è la speranza? È che il giornale ha ormai perso il monopolio della notizia e qualcosa dovrà accadere. Un ricambio interno o chissà.

  2. Io ho letto e sentito parlare di cambi di proprietà. Speriamo che tutto ciò avvenga quando non sarà troppo tardi…
    Cl.r.

  3. a proposito del GDS…… e di Repubblica
    – come mai non hanno speso un solo rigo sulla vicenda di Valeria Grasso?
    – hanno ritenuto la vicenda poco importante?
    – forse perchè la fonte proviene da Sonia Alfano e quindi non da “ADDIO PIZZO” e “LIBERO FUTURO”?
    – esiste anche una sorta di monopolio delle varie associazioni anti racket nella gestione degli imprenditori coraggiosi?
    Non so rispondere a queste domande ma mi sentirei veramente deluso se le mie idee in proposito dovessero rivelarsi fondate.

  4. Il commento di Maurizio apre scenari molto interessanti. Esiste un monopolio dell’antipizzo?

  5. …e di colui che affermò che non valeva la pena di scrivere di Internet perché “era un fenomeno passeggero” ne vogliamo parlare? :-))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.