Che pena vedere un signore di 74 anni discettare dei propri rapporti sessuali promiscui, delle proprie amicizie con minorenni, con puttane.
Un signore che è presidente del Consiglio e che invece che di provvedimenti legislativi si occupa di ragazzine.
Un losco figuro che non governa e non si governa.
Uno che invoca la punizione per i magistrati che lo inquisiscono e che organizza la guerriglia  mediatica contro lo stato di diritto.
Uno che, infischiandosene del suo ruolo istituzionale, dà il suo numero di cellulare alle prostitute.
Uno che non si vergogna (almeno) di aver fatto una telefonata che lo mette nei guai per un reato grave come la concussione.
Uno che nelle sue sceneggiate videoregistrate, che gli evitano un democratico contraddittorio, gira intorno alla questione agitando mere scuse procedurali (è competente Monza o Milano? ma che cazzo ce ne frega a noi, l’importante è che un giudice lo giudichi) e non entra mai nello specifico.
Uno che ha capito che personalizzazione dello scontro è l’oppio del diritto.

Please follow and like us: