Guardare Minzolini per Fede


Ieri sera mi sono reso conto di un fenomeno imbarazzante che mi riguarda. Da qualche tempo alle 20 vado automaticamente su Raiuno, per vedere il Tg di Minzolini.
Per anni, anche a causa del mestiere, a quell’ora ho guardato in contemporanea il Tg5 e il Tg1 con la curiosità di mettere a confronto le due versioni.
Ora non è più così.
In quegli anni di zapping forsennato ho seguito compulsivamente anche il telegiornale di Emilio Fede, quasi ogni sera per almeno una decina di minuti: la massima dose consentita dal mio fisico. Oggi so che ero attratto dalla sua capacità di sorprendere con giochi di prestigio e cronache fantascientifiche.
Ecco, adesso guardo il Tg1 come ieri guardavo il Tg4. Solo che ieri ci ridevo su.

  

11 Comments

  1. paolo beccari
    Set 30, 2010 @ 08:05:52

    E’ da qualche sera che a casa guardiamo il tg di La7: nello squallido panorama giornalistico televisivo (eccezion fatta per pochi baluardi che ancora resistono) ci sembra sufficientemente controcorrente. Ci rimane però una forte perplessità: spesso va in onda, nelle pause pubblicitarie, uno spot di una famosa banca di mister “testa d’asfalto”… che cosa significherà?

  2. Tex Willer
    Set 30, 2010 @ 08:55:54

    Occhio Gery: esiste, ed è grave, il problema dell’assuefazione, altrimenti detta tachifilassi. Ricordi Seneca, Socrate e la cicuta? L’alcool, i farmaci, le droghe?
    Per evitare l’avvezzamento, una piccola dose ogni tanto, solo per ricordarsi che esiste un altro mondo intellettuale pulito, lontano anni luce da quello squallido e fangoso dell’imbonitore principe e dei suoi viscidi sodali.

  3. Anonimo
    Set 30, 2010 @ 08:56:13

    Significa che probabilmente l’informazione del futuro è quella che viene dal basso. Penso a forme di city journalism che coinvolgano più soggetti possibili.
    Cl.r.

  4. roberto
    Set 30, 2010 @ 09:13:40

    anche io sono per queste forme di sperimentazione.

  5. Tanus
    Set 30, 2010 @ 10:05:17

    Ti capisco perfettamente Gery.
    Anch’io quando posso lo seguo per le stesse tue ragioni.
    La domanda che mi pongo è:
    quanta parte dello share (ormai in picchiata) del TG1 è composta da gente che la pensa come noi? Quanta gente che lo segue non per le notizie, ma in quanto notizia esso stesso?

    La risposta potrebbe essere imbarazzante per il TG1, visto la quantità di giornalisti e blogger che ne scrivono (male) e di “sinistri” che ne parlano ben informati. Gli “altri” seguono già Tg4 o Tg5.

  6. Lesandro
    Set 30, 2010 @ 13:49:54

    coraggio

  7. Gery Palazzotto
    Set 30, 2010 @ 15:49:21

    Della sperimentazione parleremo tra breve…

  8. Guardare Minzolini per Fede | Informare per Resistere
    Set 30, 2010 @ 17:58:44

    […] altro http://www.gerypalazzotto.it/2010/09/30/guardare-minzolini-per-fede/#ixzz10zTu5L9e var Taggable_iWpVersion = '3.0.1'; var Taggable_sUrlOfPage = […]

  9. Silas Flannery
    Set 30, 2010 @ 20:10:16

    Ma no, ti dirò: tutto sommato ridere si può ancora. Si deve, forse.

    Ci resta quello. Una rassicurante, arrogante se vuoi, sensazione di superiorità ai tempi.

  10. Tanus
    Ott 01, 2010 @ 09:06:14

    Io amo gli esperimenti ben condotti e ben riusciti.

  11. giusicilia
    Ott 01, 2010 @ 09:30:23

    anch’io guardo il tg della 7,ho sempre apprezzato la professionalità di mentana,certo lì è scarso di mezzi,ma va bene comunque.
    il tg5 neanche preso in considerazione da anni. il tg1 mi rende troppo nervosa e siccome la mia vita è già piena di suo di stress,perché versarci gratuitamente e volontariamente quello che minzolin mi dà? preferisco godermi la cena senza dover dire,ma lo senti? ma ti rendi conto? è una vergogna! no, no, non si può guardare sto tg!
    ..per cui tg7 e buon appetito!

Leave a Reply