Il maratoneta solidale

L’articolo pubblicato oggi su Repubblica Palermo.

L’uomo che fa correre le maratone ai disabili è un alieno. E non perché ci vogliono forza e resistenza pazzesche per spingere qualcuno in carrozzella per decine di chilometri, ma perché solo un extraterrestre della solidarietà poteva inventarsi un altruismo così concreto e divertente nel Paese dei porti chiusi e delle bocche aperte.

L’esempio di Vito Massimo Catania, da Regalbuto, è di un fulgore imbarazzante per noi italiani rimbambiti dall’opacità di un sentire comune che ha paura delle differenze. Lui, il runner solidale premiato da quell’altro alieno del presidente Mattarella, si è stufato di vincere gare da solo poiché ha capito che la condivisione è ben altro che un tasto di Facebook. E allora corre, corre per regalare passi a chi non li ha. Taglia traguardi per donare soddisfazioni a chi a un certo punto si è trovato a corto di speranze. Ebbene sì, Vito Massimo Catania, l’uomo che spinge in silenzio le carrozzelle al limite dell’umanamente possibile, è il perfetto contraltare di una nazione governata da panzoni bulimici ed egoisti.   

La marcia per la dignità

La marcia per la dignità







/

I deboli dimenticati dalla burocrazia

I deboli dimenticati dalla burocrazia







/

In difesa dei più deboli

In difesa dei più deboli







/

Da Pif a Trump, l’era della rabbia

Da Pif a Trump, l'era della rabbia







/

Gli improvvisati

Gli improvvisati







/

L’ineffabile assessore Miccichè

L'ineffabile assessore Miccichè







/

L’assessore che fugge davanti ai disabili

L'assessore che fugge davanti ai disabili







/

Dare dell’idiota a chi lo è

Oggi su diPalermo racconto con minima foga una disavventura di viaggio con la compagnia aerea Vueling. Se volete incazzarvi dateci un’occhiata.