Riassumendo: la giunta comunale di Palermo raddoppierà agilmente l’Irpef, grazie a un provvedimento ad hoc del governo nazionale, per cercare di mettere una toppa al bilancio dell’Amia.
Il sindaco, tale Cammarata Diego, ha parlato di “scelta obbligata per gestire l’emergenza rifiuti nel miglior modo possibile”.
Il “miglior modo possibile” sarebbe stato invece quello della chiarezza. E la chiarezza spesso non è complice della sintesi.
Quindi, per quel che immagino io,  Cammarata avrebbe dovuto dichiarare una cosa del tipo:

Cari concittadini, dal momento che il buco dell’Amia è causato anche da una precedente gestione dissennata, che coinvolge anche persone che purtroppo conosco bene, è necessario un aumento delle tasse, anche perché la procedura legale per ottenere un risarcimento dai precedenti dirigenti sarebbe troppo lunga. Mentre il disastro è vicino. E comunque, anche per non impantanarci in tediosi cavilli giuridici, anziché muovere una pubblica accusa nei confronti degli ex tenutari… pardon, dirigenti dell’Amia, ho preferito chiedere a voi, cari concittadini, quegli spiccioli che ci servono anche per mandare avanti la baracca della raccolta dell’immondizia.

Però il mio dilemma è: mancano la chiarezza e la sintesi o anche qualcos’altro?

Please follow and like us: