Manganelli e poverelli

Non mi piace questa colpevolizzazione della ricchezza che in Italia tende a confondere il ricco con il disonesto e l’ho scritto. Tuttavia sono rimasto di sasso quando ho appreso che il capo della Polizia Antonio Manganelli guadagna 621.253,75 euro all’anno. Cioè più di 1.700 euro al giorno.
Ora, se in questo paese i poliziotti guadagnassero cifre calibrate sui rischi che il loro mestiere impone, nulla ci sarebbe da dire (anche se somme di questo genere per funzionari pubblici suonano un po’ stonate coi tempi che corrono). Però se un agente prende poco più di 1.300 euro al mese, cioè guadagna in trenta giorni molto meno di quanto il suo capo percepisce in 24 ore, allora qualcosa non va.
Anche qui di certo dobbiamo stare attenti a non confondere il ricco col disonesto, ma contemporaneamente dobbiamo sforzarci di evitare di identificare il povero col fesso.

  

4 Comments

  1. fm
    Feb 24, 2012 @ 10:04:16

    Però se gli esponenti del governo identificano i poveri con gli sfigati , tutto va a … puttane !

  2. Tex Willer
    Feb 24, 2012 @ 12:38:01

    Lui (che mi ricorda tanto il commissario Basettoni amico di Topolino) mica lo voleva fare quel lavoro. Ma visto il cognome che si ritrova, che altro poteva fare?

  3. Cinema and Cigarettes
    Feb 24, 2012 @ 20:24:01

    E poi uno dice che si butta a sinistra…

  4. Angelo
    Feb 24, 2012 @ 23:44:58

Leave a Reply