La salvezza dei giornali di carta

Pur tenendo una rubrica sui numeri per Leiweb, non sono tra quelli che impazziscono per le statistiche. Le trovo un po’ noiose. Però ogni tanto forniscono spunti interessanti, ad esempio quando l’incrocio tra i dati è pressoché intuitivo.
Nell’ultimo annuario Istat, ad esempio, ci sono un paio di riferimenti che non possono passare inosservati a chi si occupa di comunicazione e anche a chi svolge il cruciale ruolo di lettore (di romanzi, di quotidiani, eccetera).
Cresce il numero di italiani che usa il computer – con l’immancabile differenza tra Nord e Sud – e contemporaneamente cala quello dei lettori di giornali e libri.
Incrociando i dati abbiamo un risultato evidente anche al più distratto degli osservatori: il web è l’unica salvezza per l’editoria tradizionale.
Ciò significa che le risorse dei giornali vecchia maniera vanno gradualmente canalizzate verso il mondo della Rete, anche a livello di finanziamenti pubblici (lo ha accennato persino il sottosegretario all’Editoria Carlo Malinconico). Chi perde copie – cioè quasi tutti – va incentivato a cambiare: passare al web significa risparmiare carta ed evitare di tagliare posti di lavoro; significa anche cambiare mentalità, saper ammettere i fallimenti e dichiararsi disposti a prendere qualche lezione. Per troppo tempo il mondo dei giornali di carta è stato in mano a quattro tromboni che non distinguono una pendrive da un accendino. Ora è il momento di farsi da parte e di finirla di considerare internet un mondo di perditempo.

  

5 Comments

  1. la contessa
    Dic 17, 2011 @ 11:20:50

    Ma davvero il sottosegretario all’Editoria si chiama Carlo Malinconico?

  2. Fabio 1
    Dic 17, 2011 @ 11:39:37

    L’unico ostacolo alla completa sostituzione e’ l’imballaggio dei tappeti. Per il resto oramai cosa vuoi ancora aggiungere? Che leggi le notizie di 24 ore prima e senza approfondimenti…e mettici pure kindle e similari ….

  3. giusicilia
    Dic 18, 2011 @ 09:30:44

    rottamatore anche tu?
    concordo!

  4. Gery Palazzotto
    Dic 18, 2011 @ 10:09:03

    Rottamatore da anni.

  5. Luca
    Dic 18, 2011 @ 12:28:29

    Sull’uso del computer, ci sarebbe da capire in quanti poi effettivamente lo usano per leggere notizie sul web o visitare siti di informazione. Per il resto credo che, almeno nel caso dell’Italia, la maggior parte dei quotidiani non sia riuscita ancora a costruire un’alternativa all’informazione via internet. La carta stampata ha ancora grandi potenzialità, si tratta di saperle sfruttare e secondo il mio modesto parere, questo è ancora lontano dall’accadere in Italia.

Leave a Reply