A nanna senza cena

Su Wittgenstein trovo questo comunicato stampa, dalla linearità esilarante.

 

E, grazie a un piccolo sforzo di memoria, ho realizzato che nella comunicazione istituzionale – tra nugoli di addetti stampa, ghost writer, consulenti, portavoce, portantini, portaborse e portaborselli – c’era chi aveva fatto di meglio.

  

2 Comments

  1. spallanzani
    Set 02, 2011 @ 21:10:22

    Bellissime! Quella sul Milan poi, è strepitosa.
    A me fece molto ridere una nota dell’Ansa che recitava così:

    Roma – L’attore Lino Banfi è giunto a Palazzo Chigi per incontrare il presidente del consiglio Silvio Berlusconi.
    26 luglio 2011 18.43

    Non so perchè, ma mi sembrò nella logica delle cose…

  2. vuesse gaudio
    Set 02, 2011 @ 22:18:26

    E STASERA PROBABILMENTE MANGERÀ “MAIALINA DA LATTE PIBIL”?
    Oggi, mentre facevo la mia passeggiata del crepuscolo serale civile, ho avuto ancora dei pensieri morbosi. Che cosa mangerà stasera il ministro visto che ieri sera aveva saltato la cena e da noi c’era “lingua di maiale(corta) con salsa di melagrana”[ http://www.wittgenstein.it/2011/09/02/in-stato-di-ebbrezza-2/#comment-10533 ]? Probabilmente “Maialina da latte Pibil”, che richiede, essendo un piatto-bolero, lume di candela e che si canti sottovoce:”maialina come te…come te…”. Questo piatto, Manuel Vázquez Montalbán, lo abbinava a donne brune e uomini biondi, purchè siano capaci di mangiare almeno la metà della maialina di 4 chili, la metà dei 24 peperoni, la metà dei 12 spicchi d’aglio, la metà delle 8 arance aspre. Melnick diceva che l’anima è immortale e continua a vivere anche dopo la separazione dal corpo,ma se la mia anima o quella di un ministro esistesse senza il suo corpo si può essere sicuri che a cena mangerebbe la “Maialina da latte Pibil”? E in questo caso dopo quante cene i vestiti non le starebbero più larghi? Quello che mi turba è che a tratti mi convinco che un’anima così riuscirebbe a mangiare anche la Fricassea di piedini di maiale anche in compagnia del suo assistente o di uno di quei nuovi templari della massoneria petrolifera provenienti dalla Basilicata che fanno i pescivendoli all’estero e i “giornalisti” in Italia…

Leave a Reply