Scazzi amari

Sarah Scazzi scompare da un paese sconosciuto chiamato Avetrana e di lei si perdono le tracce per un mese e mezzo, si pensa a una fuga, si arriva a incolpare Facebook, poi si scopre che ad ammazzarla è stato lo zio Michele che l’avrebbe anche violentata da morta, poiché da viva lei non gli si concedeva, e che viene arrestato mentre la madre della vittima in tv sta lanciando l’ennesimo appello per ritrovare sua figlia il cui corpo viene effettivamente rinvenuto in un pozzo oscuro come il crimine di un caso inestricabile in cui ci sono troppi testimoni sotto i riflettori, ognuno con la propria verità, come la figlia dell’assassino, Sabrina, che viene accusata di complicità nel delitto perchè avrebbe avuto nei confronti di Sarah un’invidia per questioni sentimentali o come una sua amica, Mariangela, che parla coi magistrati e inguaia Sabrina senza però chiudere il cerchio perché prima zio Michele confessa di avere ucciso da solo, poi si corregge  dicendo di aver ucciso insieme alla figlia Sabrina, infine rivela di averla solo aiutata, la figlia, e di non aver torto un capello alla povera Sarah, ma di averla solo seppellita (mentre in realtà l’unica certezza è che sta cercando di seppellire la figlia).

To be continued.

  

Leave a Reply