Oggi non è ieri

Cose che adesso mi piacciono
(e che prima, quindi, non mi piacevano)

La proprietà.
L’assenza di stipendio fisso.
La carne di maiale.
Lo snobismo.
La scrittura semplice.
L’intolleranza nei confronti dei cretini.
La corsa lenta.
Passare la mano in cucina.
Il rimprovero giustificato.
L’orecchino.
Il pesce a forma di pesce.
I genitori-amici.
La dipendenza da una (sola) persona.

  

30 Comments

  1. Anonimo
    Giu 22, 2010 @ 08:00:45

    credo che nella carne di maiale ci sia anche il mio zampino, magari con le castagne?

  2. mara
    Giu 22, 2010 @ 08:19:25

    non volevo apparire anonima, scusate.

  3. Daniela
    Giu 22, 2010 @ 08:21:23

    Mara, io non avevo dubbi fossi tu…

  4. Stef
    Giu 22, 2010 @ 09:21:11

    Da ragazzina non piaceva quello che poi sarebbe diventato mio marito!

  5. verbena
    Giu 22, 2010 @ 09:21:42

    La lentezza
    La diplomazia
    I vecchi profumi di Dior
    Mostrare il mio viso senza trucco
    Il caffè, anche fortissimo e amaro
    Mandare un amico/a a quel paese, se lo merita
    Pierpaolo Pasolini
    Le donne stilose ma senza marchi in vista
    Le borse
    La tolleranza, sprezzante e silenziosa, verso l’ignoranza altrui
    I bijoux degli anni Cinquanta
    I vecchi documentari
    I miei indomabili capelli ricci

  6. Ultraman
    Giu 22, 2010 @ 09:40:27

    Sciascia
    i computer mac
    le caramelle alla liquirizia
    Fini

  7. Abbattiamo
    Giu 22, 2010 @ 09:46:35

    @gery: Il passare la mano in cucina l’avevo notato. D’altronde la consorte è molto abile ai fornelli. Penso ai risotti, per esempio.
    Invece la “proprietà” in che senso?

  8. Floriano
    Giu 22, 2010 @ 09:50:36

    E’ inquietante pensare a un pesce che non abbia la forma di pesce. Pura metafisica: un pesce che non ha bisogno di forma, pura sostanza.
    Ding an sich (#sigh!#!!)

  9. Abbattiamo
    Giu 22, 2010 @ 09:58:35

    Anche a me lo stipendio fisso non piace, ma non mi è mai piaciuto nemmeno prima. Nel senso che preferisco i contratti di consulenza o di collaborazione all’abbraccio soffocante di un contratto di assunzione. Certo, c’è il brivido della precarietà. Ma la libertà è impagabile, e la possibilità di rinnovarsi, di crescere, di cambiare e a volte di buttare tutto all’aria mi permettono di reinventarmi ogni giorno, di negoziare mansioni e ruolo.

  10. Gery Palazzotto
    Giu 22, 2010 @ 10:09:41

    @abbattiamo. Avevo una concezione archeo-comunista della proprieta. Ad esempio per la casa.

  11. Gery Palazzotto
    Giu 22, 2010 @ 10:10:47

    @Floriano. Il pescespada e il tonno sono un esempio di pesce non a forma di pesce. Nel piatto.

  12. mara
    Giu 22, 2010 @ 10:35:05

    rido per il pesce non a forma di pesce e ho nostalgia di quelle serate.

  13. Abbattiamo
    Giu 22, 2010 @ 10:37:07

    @Gery: ah, ora capisco, grazie.

  14. Abbattiamo
    Giu 22, 2010 @ 10:37:51

    @Gery: beh, oggi per noi precari un tetto di proprietà sopra la testolina è garanzia di sopravvivenza.

  15. verbena
    Giu 22, 2010 @ 11:08:30

    a quando un post su ciò che oggi non piace più (e che quindi prima piaceva)?

  16. il cacciatorino
    Giu 22, 2010 @ 11:44:30

    La diplomazia.
    L’incoerenza.
    Ascoltare quello che hanno da dire gli altri piuttosto che indovinarlo.
    Non prendersi sul serio.
    Vedere un film, leggere un libro, vedere uno spettacolo che, a naso, mi sanno di indigesto.
    Dire che una cosa è indigesta solo dopo averla assaggiata.
    Non prendersela troppo.
    Mostrare umane debolezze.
    Chiedere scusa.
    Ricucire gli strappi.
    Contare fino a cento prima di fare uno strappo che poi dovrei ricucire.
    Chi mi ruba la scena (ogni tanto).
    Cambiare strade.

  17. verbena
    Giu 22, 2010 @ 12:01:43

    Volevo dire “le borse per la spesa”

  18. verbena
    Giu 22, 2010 @ 12:03:21

    @cacciatorino: a proposito dell’indigesto, adesso vale anche per me. Non è che stiamo invecchiando?

  19. Abbattiamo
    Giu 22, 2010 @ 12:05:32

    @cacciatorino: per quanto mi riguarda, anche io mi sforzo di imparare la diplomazia, placando quando posso la mia irruenza. Ma non sempre ci riesco.
    E, in generale, in questo tuo elenco trovo moltissime cose che sarebbero salutari per chiunque.

  20. Abbattiamo
    Giu 22, 2010 @ 12:11:06

    Non mi piaceva, con cognizione di causa, mia suocera (perché mi faceva oggetto di fendenti immotivati e crudeli, senza mai sbagliare mira). Ora mi piace un po’ di più, perché l’età e il rincitrullimento le hanno mitigato molto la perfidia. Qualche giorno fa mi ha detto persino il suo primo grazie e un’altra volta mi ha anche mandato un bacio con la mano. Quasi ci restavo secca.

  21. Abbattiamo
    Giu 22, 2010 @ 12:15:26

    Io ho molti “non mi sono mai piaciuti”: dei must che non cambiano nel tempo. Come pure molti “mi piacciono sempre”. Ci vorrebbe una caterva di altri post, Gery.

  22. Maristella
    Giu 22, 2010 @ 12:25:12

    Sapere aspettare
    Il Natale soli in quattro o cinque
    Le spiagge deserte
    La casa di mia nonna (specialmente adesso che la sto ristrutturando)
    La Scala dei Turchi
    Chiedere scusa
    L’assoluta riservatezza
    Le cerimonie intime
    La fede nel Capo

  23. rosipa
    Giu 22, 2010 @ 12:42:42

    Bivaccare in cucina al fine di preparare sontuosi pranzetti per i miei amici
    Il caffè che scoraggia l’abbiocco tremens (negato a ogni madre di figlia ON dalle 07.00 alle 21.00)
    La diplomazia e talvolta la gentilezza, cugine dell’ipocrisia e della ruffianaggine: due arti in cui il mio consorte è un impareggiabile maestro.
    Quei chili superflui che non mi fanno più “la cameriera secca dei signori Montaignè”

  24. Gery Palazzotto
    Giu 22, 2010 @ 13:08:50

    @Abbattiamo. Hai ragione, questo è un classico “riempipista”.

  25. Tanus
    Giu 22, 2010 @ 15:04:38

    Il freddo della Svezia, e i paesi nordici in generale.
    Dal freddo e dalla lunga notte ti difendi, magari li utilizzi pure a tuo vantaggio. Con certe mentalità invece non basta coprire la testa e le orecchie.
    E ben sette punti tra quelli elencati da Gery, altri mi son sempre piaciuti.

  26. la contessa
    Giu 22, 2010 @ 16:00:49

    Cucinare (o meglio, il goffo tentativo di)  
    Trascorrere del tempo nella più totale inattività. 
    Il caffè.
    La protezione 20 e stare al sole quel tanto che basta per colorarmi un po’ (e per evitare che il mio consorte diventi insofferente al caldo e all’umanità, me compresa).
    Dormire completamente al buio.

  27. giusicilia
    Giu 22, 2010 @ 16:30:21

    il divano di casa,soprattutto dopopranzo,
    le creme per il viso costosissime,
    le scarpe comode,
    il golf,e sono anche brava!
    stare sola col mio uomo,ovunque
    la pazienza,
    il poker online,
    i chiuhuahua,ercole soprattutto,il mio intelligentissimo cane,
    smalto e lucidalabbra,
    diventare una iena,quando serve
    i pranzi di famiglia,chiacchiere inutili comprese,
    le olive,
    non avere programmi,
    i bambini,quando non piangono a tutte le ore come quello del terzo piano!

  28. verbena
    Giu 22, 2010 @ 20:35:20

    mi sembra di vedervi tutti…

  29. pirsimona
    Giu 22, 2010 @ 21:46:22

    Gery, ma è l’effetto collaterale del matrimonio? Quindi adesso, davanti ad un’orata al forno o alla griglia ti fai avanti sgomitando? E ti diverti a togliere le spine per poterlo mangiare? Non ci credo se non lo vedo!
    A proposito della corsa lenta… sto attuando i tuoi consigli. Bene direi, sento i muscoli che lavorano a pieno regime, però mi annoio a morte, devo trovare una soluzione senò alla corsa mi sa che preferirò il divano ;-)

  30. verbena
    Giu 24, 2010 @ 11:33:31

    @giusicilia: ehm, a proposito delle creme vale anche per me. Ma credo sia dovuto a qualcosa di ben diverso dal cambiare idea col tempo.

Leave a Reply