Mi dispiace, non siamo tutti Sallusti

Il tam tam internettiano in difesa di Alessandro Sallusti ha toccato picchi di ipocrisia e superficialità da Guinnes dei primati. Ieri ho letto migliaia di messaggi deliranti sulla vicenda del direttore del Giornale che, lo dico apertamente, non merita di finire in carcere vivendo in un paese in cui in carcere non ci stanno più neanche i corruttori e gli assassini.
Su Twitter impazzava l’hashtag #siamotuttisallusti, e bastava scorrere i commenti per avere la prova dell’effetto deleterio delle catene di Sant’Antonio: quando si diffondono parole senza senso, la ragione vaga come una barca senza timone.
La panzana più grottesca (e purtroppo più frequente) ieri era basata sull’equivalenza tra il caso Sallusti e la libertà di stampa. Caso da manuale in cui si confonde il mestolo con la minestra: operazione che non solo è da stupidi, ma che fa anche male alla salute (provate a ingoiare un mestolo e vedrete quanto ve ne frega poi della minestra).
Il problema del direttore del Giornale è quello di aver violato la legge, legge che può piacere o meno ma questo è un altro discorso. La libertà di stampa non c’entra un tubo perché il giornalista non può mai avere garanzia di impunità per ciò che scrive, per di più sbagliando. La libertà di stampa insomma non è uno scudo contro l’irresponsabilità, ma una necessità dello stato democratico, cioé qualcosa di sideralmente distante dal privilegio di casta.
Sallusti non merita il carcere per la sopra citata questione di congruità (prima in cella ci vadano e ci restino i delinquenti, poi – ma proprio poi – si penserà ai diffamatori), ma evitiamo di fare le fiaccolate per uno che con la buona informazione, quella non asservita alle esigenze del padrone, quella che non insegue gli asini che volano, non c’entra niente.
Il caso Boffo non vi dice niente?

  

5 Comments

  1. Gery Palazzotto
    Set 27, 2012 @ 13:01:35

    Leggete quel che dice il giudice che ha fatto condannare Sallusti e capirete – se non sono riuscito a spiegarlo bene io – perché la libertà di stampa non c’entra proprio niente.

  2. Tex Willer
    Set 27, 2012 @ 18:56:36

    Ma per favore, vogliamo smetterla di definire giornalista Sallusti.
    Al mio paese gente così, che vendono la propria coscienza (della quale non dispongono, per altro) nella migliore delle ipotesi, sono chiamati farabutti.
    E poi Farina, l’autore dell’articolo scientemente diffamatorio, coperto dal Sallusti.
    Mentana lo ha definito infame.
    Credo che tanto basti per capire di quale baratro del giornalismo stiamo parlando.

  3. Vix
    Set 27, 2012 @ 22:05:53

    Il giudice ha inutilmente chiesto per mesi prima che scadessero i termini per la querela che loro pubblicassero una smentita e loro pervicacemente se ne sono fottuti perché confidavano nell’impunità. Ben gli stia !

  4. fm
    Set 28, 2012 @ 08:27:13

    Ma come Farina-Betulla-Dreyfus, a che titolo è “onorevole” e siede in parlamento?

  5. A proposito di Renato Farina | Gery Palazzotto
    Set 28, 2012 @ 11:21:39

    […] con questo curriculum. Come sapete Farina è anche il protagonista occulto, o meglio vigliacco, del caso Sallusti cioè l’autore anonimo dell’articolo incriminato. Solo l’altro giorno, dopo molti anni […]

Leave a Reply