Arbore e la tv che non c’è più

I 75 anni di Renzo Arbore sono il compleanno di un artista geniale e garbato e allo stesso tempo il funerale di una tv che non esiste più. Chi ha più o meno la mia età non potrà mai dimenticare un programma come “L’altra domenica” che (insieme a “Odeon, tutto quanto fa spettacolo” dei grandi Brando Giordani ed Emilio Ravel) incise profondamente sul costume del Paese in cui viviamo.
Per la Rai il fatto che Arbore sia in buona salute è un ulteriore motivo di sconfitta: non c’è scusa per averlo tenuto lontano dai palinsesti.
Gran parte dell’intrattenimento di qualità, quel poco che rimane in giro, deve a lui qualcosa: persino le trasmissioni radiofoniche più dissacranti (da “Ciao Belli” a lo “Zoo di 105”)  saccheggiano in maniera più o meno consapevole l’“Alto gradimento” degli anni Settanta.
Oggi Arbore gira il mondo con la sua orchestra. Non mi ha mai fatto impazzire come musicista, questione di gusti. Ma mi manca molto, ancora oggi, quando accendo la tv e vengo violentato da un reality o da un talk show sguaiato.
Era una televisione divertente, quella di Arbore, piena di rimandi e sottotesti che accendevano la mente, era una televisione low cost e altamente fidelizzante. Era – per dirla con un po’ di populismo – una televisione per la quale era giusto pagare un canone.

  

One Comment

  1. Angelo
    Lug 08, 2012 @ 14:46:06

    Sono totalmente d’accordo.

Leave a Reply