Il Giornale dà una nuova visione di Angelino Alfano, un po’ sanguinaria.