La prima volta

Sulla mia agenda ho segnato una data, quella di venerdì scorso (23 luglio). E’ il giorno in cui ho fatto il mio primo abbonamento a un giornale che non è di carta: nello specifico la Repubblica, edizione per iPad.

Ricordo ancora la prima volta in cui acquistai un cd: Van Halen. Dopo averlo fatto girare per un paio di giorni consecutivi nel lettore (col rischio di sterminare la famiglia), lo riposi sopra la colonna di ellepi, nello studio di mio padre.
Oggi i vinili non li ho più (li vendetti negli anni Ottanta in preda a una dissennata smania di far spazio), il lettore è ancora al suo posto, i cd sono diventati centinaia e lo studio di mio padre è diventata la camera da letto mia e di mia moglie.
I cambiamenti epocali sono quelli di cui non ci si rende conto subito. Sui cd c’erano mille dubbi: resisteranno al tempo? Garantiranno la stessa fedeltà? Ci saranno assortimenti adeguati?
Ne comprai uno per curiosità. Poi un altro, e un altro ancora…
Finì come finì. E non mi pare che sia andata male. Se non altro nell’ex studio di mio padre si dorme benissimo.

  

5 Comments

  1. Mela
    Lug 30, 2010 @ 12:55:56

    Un post delizioso.

  2. Gery Palazzotto
    Lug 30, 2010 @ 12:58:04

    Grazie!

  3. verbena
    Lug 30, 2010 @ 13:48:30

    ottima scelta Gery

  4. Maurizio
    Lug 30, 2010 @ 15:51:02

    …ma vuoi dire che anche “quella” prima volta fu consumata nell’ex-studio di papà? LOL

  5. Gery Palazzotto
    Lug 30, 2010 @ 16:06:20

    Mauriziooo…

Leave a Reply