La vera infelicità dei finti felici

finta felicità

Si riconoscono perché sono dappertutto nel web, occupando ogni bacheca, salendo su ogni strapuntino dei social, aggrappandosi all’ultimo messaggio di posta elettronica. Sono i primi della mattina e gli ultimi della notte, danno il buongiorno e la buonananna in monologhi monosillabici spesso comprensibili solo a loro.
Tu magari non conosci nessuno di loro personalmente, ma leggendoli capisci subito qual è il loro tormento, ti rendi conto della prigione invisibile dentro la quale perdono il loro tempo. Sprizzano allegria quando non c’è niente da ridere e ballonzolano scribacchiando soddisfatti quando chiunque altro al posto loro si prenderebbe un paio di goccine e andrebbe a farsi un pisolino.
La loro sintassi è piena di parole forzatamente allungate, tipo bellooooo, gronda di emoticons senza alibi e ostenta un’ipertrofia di punti esclamativi. E poi è la quantità che li tradisce. Queste persone sono sempre oltre misura. Scrivono o chattano o postano a raffica tradendo un distacco grottesco dalla vita reale. Se si trovano in difficoltà non chiedono aiuto, ma si vantano della propria forzata indipendenza. Se si trovano in situazioni potenzialmente idilliache fingono di essere beati, e si capisce che preferirebbero essere infelici ma in compagnia.
La solitudine è il loro vero nemico, ma non è il loro vero problema.
Sono i finti felici, sono tutti quelli che si trovano nel posto sbagliato o giusto senza la persona giusta, tutti quelli che non ammettono di essere scontenti e simulano soddisfazione, tutti quelli che fanno finta di ricominciare e invece per debolezza non hanno ancora avuto il coraggio di mettere una pietra sopra. I finti felici, poveri loro, ci raccontano quel che si raccontano: una storia sbagliata, dal finale truccato.
Solo che noi tutti – felici o infelici, ma veri – abbiamo pietà di loro. Loro non hanno nemmeno pietà di se stessi.

  

3 Comments


  1. Giu 06, 2014 @ 14:43:50

    trovo il suo post, sinceramente, “cattivo”. tutto qui.

  2. Picassa
    Nov 08, 2016 @ 01:37:52

    Già il titolo la dice lunga… È tutto vero e falso. Siamo tutti un po’ così e un po’ no. Questo scritto trova consensi e dissensi… È una provocazione, una istigazione alla subdola accusa o alla timida difesa. Ti dice: fai parte di una categoria, facciamo parte di diverse e innumerevoli categorie perchè tutti siamo buoni e cattivi, felici e infelici, intelligenti e stupidi, soli, accompagnati o male accompagnati. A volte sì a volte no, con periodi su e periodi giù… e abbocchiamo come pesci ma non ci riconosciamo. E prendiamo le distanze da chi non è come noi E noi non siamo gli altri, quelli sbagliati. Mi sono capita solo io? Sono l’ultima.
    Buongiorno e buonananna !!!!!!!!
    Gery, sei un genio a volte incompreso e io ti dipingo sempre col pennello d’oro.

  3. La vera infelicità dei finti felici | Madonie Notizie
    Nov 08, 2016 @ 08:08:39

    […] Dal blog di Gery Palazzotto […]

Leave a Reply