Roma-Ostia, una mezza maratona come si deve

roma-ostia

Il tempo era bruttino, ma la gara è stata bellissima. La Roma-Ostia, popolarissima mezza maratona invernale, ci ha regalato una grande emozione. E non solo per il record personale di Dani (scesa finalmente sotto i sei – 5,55 per la precisione), ma per la perfetta organizzazione della manifestazione. E infatti la Roma-Ostia non è una gara di indimenticabili panorami – si corre su una lunga strada anonima e monotona – ma un esempio di come si organizza una corsa di buon livello: ottima assistenza, staff gentile, cura dei dettagli.
Insomma si capisce che è una “mezza” ideata e realizzata da chi corre, non come accade dalle mie parti dove i maratoneti sono visti come rompiscatole, nemici della libera circolazione delle auto.
Domenica scorsa una immensa area periferica di Roma era completamente chiusa al traffico, eppure non si è sentito un solo colpo di clacson agli incroci, e dai marciapiedi non arrivavano insulti ma applausi e incitamento. Lo so, il paragone con la situazione di Palermo non regge e insistere è pure un po’ da provinciali, ma non mi va proprio giù che le meraviglie della mia città non debbano splendere in occasione di un evento importante come quello, annuale, della maratona. E non è questione di soldi, come qualcuno vorrebbe lasciar intendere, ma di cultura.
Alla “mezza” di Roma-Ostia purtroppo è morto un atleta, proprio come accadde a Palermo due anni fa e come accade in moltissime maratone del mondo. Eppure nessuno si è sognato di indignarsi perché la gara non è stata sospesa, come invece si verificò inopinatamente da noi. Ad Amsterdam, nell’ottobre scorso, un maratoneta morì sotto i nostri occhi. L’organizzazione ne ha dato notizia solo il giorno dopo, addirittura per non turbare lo spirito sportivo collettivo. Su esplicita richiesta dei familiari.

Pubblicato da

Gery Palazzotto

Palermo. Classe 1963. Sei-sette vite vissute sempre sbagliando da solo. Sportivo nonostante tutto.

5 commenti su “Roma-Ostia, una mezza maratona come si deve”

  1. La Roma OStia è la più bella di tutte le mezze italiane, l’ho corsa per anni (quando la mia schiena da giovane vecchietto me lo permetteva, anche se mai da quando l’arrivo non prevede il pesante andare avanti ed indietro sl litorale caro a Pasolini.
    Se il vostro spirito di runner turistici vi sostiene per i prossimi anni pensate alla Scarpa D’ora di Vigevano, troverete organizzazione anche superiore, scopriete un luogo incantevole.ad inzio gare si passa anche all’interno delle scuderie progettate da Leonardo…certo il mare….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.