Brunetta, Fazio e un dubbio

Io ieri ho osato chiedere se fosse vero il contratto da più di 5 milioni di euro che Fabio Fazio ha firmato o sta per firmare. Fazio ha detto che non si fanno queste domande, perché è roba riservata, saperlo favorirebbe la concorrenza.
Ho risposto: la trasparenza è dovuta per legge, i denari sono legittimi, ma la Rai è degli italiani, che devono sapere. Fazio sostiene a questo punto che comunque il suo programma porta attivo alla Rai e si paga interamente da solo con la pubblicità, e mi invita a controllare. E allora? Quand’anche fosse vero, e non è vero, è il minimo sindacale: ‘’i programmi di intrattenimento e di infotainment di Viale Mazzini devono far guadagnare per permettere poi di confezionare trasmissioni di servizio pubblico”.

Renato Brunetta scrive così a Dagospia, cercando di rimediare alla figuraccia fatta ieri sera a “Che tempo che fa”. Il suo ragionamento consiste nel confondere i ruoli e nel tentare di diluire responsabilità che invece devono rimanere ben distinte. Perché una cosa è un contratto artistico e un’altra, ad esempio, è uno stipendio da parlamentare. Brunetta tende furbescamente a equipararli, senza aver il coraggio di dirlo esplicitamente, giacché sempre di soldi pubblici si tratta, ma il trucco viene fuori quando Fazio gli fa notare che il suo compenso (alto, per carità) porta comunque grandi introiti alla Rai. Il compenso di Brunetta invece che introiti o benefici porta agli italiani?

  

One Comment

  1. silvana
    Ott 14, 2013 @ 19:34:51

    Il brunino è stato veramente penoso

Leave a Reply