Dare dell’idiota a chi lo è

Siccome è in atto una campagna di neo-qualunquismo sull’aggressività del web e sulla pericolosità di certi movimenti di incultura che crescono nei social network, ho pensato di impegnarmi in un’operazione di denuncia. Ogni volta che mi capiterà di imbattermi in un idiota del web, ne darò notizia su queste pagine: si accettano segnalazioni, ovviamente.
Col tempo spero di dimostrare che non servono nuove norme per garantire la pulizia di un luogo virtuale, perché le regole esistono già e basterebbe applicarle per evitare odiose generalizzazioni. Un cretino che online offende a raffica chiunque, è lo stesso cretino che imbratta i monumenti o che buca le ruote delle auto il sabato sera. Un delinquente che istiga alla violenza via internet è lo stesso delinquente che guida ubriaco e falcia il primo pedone che gli capita a tiro. La cattiveria gratuita e anonima ha lo stesso seme di invidia sia nel web che allo stadio.
Chissà quando ci si renderà conto che non sono le connessioni telematiche il problema, ma le connessioni cerebrali.

  

2 Comments

  1. Adriano Frinchi
    Mag 13, 2013 @ 16:52:41

    Condivido e aggiungo anche i problemi di ego ipertrofico:
    http://adrianofrinchi.tumblr.com/post/50343174424/lego-ipertrofico-ai-tempi-di-twitter

  2. fm
    Mag 14, 2013 @ 19:35:54

    Ne sono stata sempre convinta: il problema sono le connessioni cerebrali e , oserei dire, la presenza di materia cerebrale

Leave a Reply