Uno che di fucili se ne intende

1630706-29

Se qualcuno tra qualche mese prende i fucili non lamentiamoci, abbiamo messo un altro banchiere all’economia. La situazione se non migliora, peggiora e non so quanto la gente possa resistere, non so quanto il Movimento possa frenare la violenza della gente, che è nella natura delle cose.

Quelle dell’ideologo del Movimento 5 Stelle, Paolo Becchi, vengono definite dichiarazioni choc, come se vivessimo a Disneyland. In realtà si tratta di acqua fresca, specie se confrontate con l’immensa mole di citazioni di uno come Umberto Bossi, capo storico della Lega Nord e ministro in due governi di Berlusconi.

“Quando avremo perso tutto, quando ci avranno messo con le spalle al muro, resta il fatto che le pallottole costano 300 lire”. 23 settembre 1993

“Se non avessimo impedito la rivolta si sarebbe incendiato tutto il Nord. E se in Sardegna, un’area isolata, qualche mitra lo puoi trovare, in Lombardia trovi tutto, dai cannoni agli aeroplani…”. 29 agosto 1994

“Il processo storico va avanti verso il cambiamento con o senza violenza, io spero senza violenza inutile. Prima della fine del ’97 l’Italia come la conosciamo non ci sarà più, ci sarà la Padania”. 26 ottobre 1996

“Amici magistrati, il rischio è che ci sia una Pasquetta, ma più che una Pasquetta come quella del 1916 in Irlanda: non verrebbero 1.500 uomini a imbracciare il fucile; saranno 150.000 e il giorno dopo un milione e poi…”. 18 aprile 1998

“Democristiani, socialisti, comunisti… Questa era gente da tirar giù, da portare in piazza e fucilare, perché quando uno fa fallire un paese lo si fucila”. 25 settembre 2003

“Non abbiamo mai tirato fuori fucili, ma c’è sempre una prima volta”. 26 agosto 2007

“Se non si va al voto facciamo la rivoluzione, vuol dire che mettiamo in piedi la polizia del Veneto, della Lombardia, del Piemonte. Certo ci mancano un pò di armi, ma prima o poi quelle le troviamo”. 23 gennaio 2008

“Se necessario, per fermare i romani che hanno stampato queste schede elettorali che sono una vera porcata e non permettono di votare in semplicità e chiarezza, potremmo anche imbracciare i fucili”. 6 aprile 2008

“Ora dobbiamo portare a casa tutto il possibile democraticamente. Per i fucili c’è tempo…”. 19 agosto 2010

  

3 Comments

  1. salvatore battaglia
    Mag 02, 2013 @ 20:01:13

    Le dichiarazioni di Paolo Becchi sono state contestate
    dal Movimento Cinque Stelle: le sue farneticazioni non fanno
    parte dell’humus culturale di Cinque stelle.
    E’ stato smentito oggi alle 18,00

  2. Maurizio
    Mag 03, 2013 @ 08:37:21

    Grazie Gery, ci hai dato una prova di vero giornalismo nel riportare le dichiarazioni nel corso di vari anni di un leader politico che è stato anche un ministro della Repubblica. Ancora una volta hai sollevato il problema del sistema dell’informazione politica in Italia, che aldilà dei giudizi di merito delle stesse dichiarazioni, che si commentano da sé, non perde occasione per strumetalizzare una sola parola per demonizzare l’avversario politico a servizio del pensiero unico.

  3. Tex Willer
    Mag 03, 2013 @ 21:20:15

    Quanto mi piace il signor Battaglia; se non esistesse di già bisognerebbe inventarlo.
    Intanto per la cronometrica precisione: “smentito alle 18,00” né un secondo prima né uno dopo. Peccato non abbia letto i commenti sodali di molti grillini pubblicati sul loro sito, sia prima che dopo le fatidiche ore 18,00.
    E’ vero, come non dargli ragione quando afferma: “le farneticazioni del Becchi (nulla a che vedere con gli animali dotati di corna) non fanno parte dell’humus culturale di 5stelle”. Infatti, fanno solo parte dell’ipossia mentale di un uomo disfatto dal super ego, che rimesta nel fango pur di apparire alcuni secondi davanti ad una telecamera.

Leave a Reply