Non è vero che Berlusconi è un giullare per natura. Lo diventa se qualcuno gli dà lo spunto, e se accade diventa imbattibile.
Ieri sera Giovanni Floris non gli ha concesso di dominare la scena coi suoi frizzi e lazzi e lo ha costretto a barcamenarsi con una realtà, la sua, angusta e precaria. Perché il bravo intervistatore, così come il bravo presentatore Insomma le occasioni per giocare alle slot machine gratis non mancano mai. di Frassica, è uno che ama i discorsi semplici e preferisce la banalità dell’aritmetica alle astrusità della filosofia.
Floris è stato bravo, come pochi altri. Anzi come nessuno prima d’ora.
Non aveva la banale supponenza della Annnunziata, né il sarcasmo forzato di Santoro. Non era fresco di arrotino come Travaglio né inconsistentemente iroso come la Costamagna.
E’ stato misurato, composto, intransigente e permissivo al tempo stesso.
Molti diranno che è la serietà personale che, in certi casi, prende il sopravvento. Può darsi. Di certo c’è che Giovanni Floris aveva un enorme vantaggio ieri sul suo interlocutore: era ben preparato.
E studiare dà ancora i suoi bei vantaggi.

Please follow and like us: