#pocoinclinealperdono?

Alcuni perfidi amici hanno coniato per me l’hashtag #pocoinclinealperdono a causa di alcune presunte spigolosità del mio carattere. A loro ho pensato, ieri, dopo che in bici ho rischiato di essere travolto da un’auto, il cui conducente mi aveva tagliato la strada mentre era impegnato in una conversazione telefonica.
L’impatto è stato evitato per qualche centimetro (alla faccia di chi dice che nella vita i centimetri non contano) e la vera sorpresa non è stata trovarmi ancora in sella sano e salvo, ma dover consolare l’aspirante investitore. Il quale, scusandosi e scusandosi ancora, ha avuto un mezzo collasso per l’emozione di non avermi ucciso.
Scena finale: io in tenuta da biker, sudato e stanco, ho passato la mia borraccia al tizio in camicia e cravatta accasciato sul sedile della sua auto con aria condizionata.
Ommm.

  

7 Comments

  1. Francesco Massaro
    Lug 06, 2012 @ 08:31:03

    Tanto non ci credo.

  2. Daniela
    Lug 06, 2012 @ 10:28:23

    @Francesco Massaro: Mmmh… Forse neanche io.

  3. Massimo Puleo
    Lug 06, 2012 @ 10:38:35

    Ti potrei “capitare” dei falsi testimoni, perché sei tu

  4. Gery Palazzotto
    Lug 06, 2012 @ 14:34:47

    Lo dicevo io che a essere troppo buoni si rimediano solo umiliazioni (e pure la rima).

  5. Cinema and Cigarettes
    Lug 06, 2012 @ 14:45:54

    Non ti ci vedo in bici col saio a consolare e dissetare “fratello automobilista”. Sei troppo amante delle regole, e il tizio è già in galera senza passare dal via.

    Tu menti sapendo di mentine!!!

  6. Angelo
    Lug 08, 2012 @ 14:51:45

    E aveva pure dovuto interrompere la telefonata!

  7. Pietro Bonanno
    Lug 31, 2012 @ 17:44:45

    Io invece mi meraviglio del fatto che il tizio in auto non sia sceso pretendendo la ragione in virtù del fatto che avesse messo la freccia

Leave a Reply