Un Paese senza calcio

Pur essendo un tifoso, non mi sconvolge la provocazione di Monti che ipotizza uno stop generale del calcio italiano per un paio d’anni, il tempo di azzerare scandali e viziacci. Potrei essere anche d’accordo a patto che quello proposto dal premier sia un modello.
Azzeriamo pure tutti i consessi, le organizzazioni, i sodalizi, gli organi elettivi, i vertici, le società che non funzionano. Fermiamoli e aspettiamo che il motore si raffreddi prima di cambiare gli ingranaggi consunti. Verifichiamone in tal modo il reale peso sulla società: niente niente si scopre che si può far a meno di qualcosa di costoso e che ciò che sembrava necessario è invece superfluo.
Un Paese senza calcio può vivere benissimo. A patto che non ci si illuda che il calcio ne incarni in toto i vizi e i difetti.

  

One Comment

  1. giuseppe bianca
    Mag 30, 2012 @ 10:26:20

    monti ha la straordinaria capacità di dire male cose giuste, ma una ridimensionata alla pedata nazionale si impone, per un fatto di cultura, l’abbiamo sovradimenesionata per importanza , e per ridare una misura ed equilibrio ad una nazione disorientata e disorientabile.

Leave a Reply