Un comunicato dell’avvocato scrittore Alfonso Luigi Marra e della soubrette bocconiana Sara Tommasi.

Va chiarito che il rapporto tra Sara e me, consolidatosi da quando vive a casa mia, ha causato una violentissima reazione del cuore del sistema mediatico, oltre che dell’entourage di Sara. Una reazione, che proprio io ho vanificato, dapprima accompagnata da minacce di annientamento mediatico, ma poi culminata, in una clinica nel tentativo di praticare a Sara una siringa di Aldol per quindi ricoverarla facendola apparire esaurita.

Chi lo ha capito vince qualche cosa?