Comunque Berlusconi

Sapete quanto io ami Silvio Berlusconi. Però nell’inchiesta dell’Espresso sulle tangenti pagate dal governo italiano ai talebani c’è un sottotesto che non convince.
Se, come testimoniano i file di WikiLeaks, nel 2008 Bush chiese a Berlusconi di finirla con le mazzette ai fondamentalisti e che l’anno seguente partì una controffensiva militare italiana in Afghanistan, con conseguente aumento del numero dei morti tra i nostri connazionali, dove sta esattamente la colpa di Silvio? Nell’aver continuato a pagare per poco quel che il governo Prodi pagava da molto (nel 2008 Berlusconi era appena stato rieletto)? Nell’aver smesso di pagare e nell’aver incrementato il volume di fuoco contro i talebani? Nell’aver dato retta a Bush?
Insomma non sembra plausibile la teoria per cui Berlusconi ha, nel merito, una colpa diretta e insieme di riflesso. Specialmente quando le occasioni concrete per mettere sotto accusa il nostro premier gaudente non mancano.

Pubblicato da

Gery Palazzotto

Palermo. Classe 1963. Sei-sette vite vissute sempre sbagliando da solo. Sportivo nonostante tutto.

3 commenti su “Comunque Berlusconi”

  1. Rincuora l’onestà intellettuale dell’Autore
    e di Spallanzani. Leggere i fatti politci
    “sine ira et cura” fa onore ai commentatori,
    fa bene alla lettura politica in itinere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.