Senza D’Avanzo

Senza Giuseppe D’Avanzo la nostra repubblica, quella che non si sfoglia ma nella quale viviamo e ci disperiamo, ha un guardiano in meno. E’ facile immaginare la gioia tra i delinquenti in giacca e cravatta che erano da sempre i nemici di D’Avanzo. Non so come, ma facciamo in modo da guastare la festa a tutti quelli che in questo momento gioiscono per la scomparsa del migliore giornalista d’inchiesta italiano.

  

4 Comments

  1. la contessa
    Lug 30, 2011 @ 19:29:21

    Sottoscrivo in pieno, Gery caro… Come sempre.

  2. Salvatore Battaglia
    Lug 30, 2011 @ 19:33:15

    Un grande giornalista: esperto di diritto, profondo conoscitore dell’agone giudiziario
    italiano: grande scrittore, grande professionalità

  3. fm
    Lug 31, 2011 @ 00:07:29

    Che dire? D’Avanzo muore e qualche altro – anche più di uno – continua a vivere e , soprattutto, a “scrivere”, se così si può definire, indisturbato!

  4. spallanzani
    Lug 31, 2011 @ 15:42:51

    Nell’Italia che sogno a D’Avanzo dovrebbero conferire la medaglia al valore civile (purtroppo ormai alla memoria)
    Ditemi se le finalità di questa onorificenza non rispecchiano il suo lavoro: “Premiare atti di eccezionale coraggio che manifestano preclara virtù civica e segnalarne gli autori come degni di pubblico onore.”

Leave a Reply