Rai, equilibri ed equilibrismi

Il nuovo piano per “democraticizzare” la Rai prevede la rotazione dei conduttori, una prima serata a quello di sinistra, una a quello di destra, uno a quello di centro e così via.
Il concetto che passa è quello dell’equilibrio, ma in realtà dovrebbe essere quello dell’equilibrismo. Da abbonato Rai non me ne frega niente della patente politica del giornalista o del presentatore. A me interessa la qualità di un programma, nient’altro.  Vedere in tv gente moderata che non sa che caspita dire davanti a una telecamera (basta fare un po’ di zapping nel pomeriggio) è umiliante. A certi trombonazzi della politica importa solo che sia rispettata la par condicio, ma se poi si uccide la professionalità non accade nulla di grave. C’era un famoso giornale, specializzato in figure ridicole, che più di una volta attaccava i suoi articoli con la replica a un’accusa che ancora il lettore non conosceva. Ecco, la Rai di domani sarà così: piena di anti-Santoro che infarciranno il palinsesto di anti-Annozero e che non diranno nulla di particolare, ma lo faranno con grande equilibrio.

  

One Comment

  1. Angelo
    Mar 03, 2011 @ 23:13:12

    Quello di far nascere simil-annozero con conduttori orientati diversamente è un tentativo che è stato già fatto ai tempi dell’editto bulgaro (se ben ricordo). I risultati furono disastrosi.

Leave a Reply