Dal 6 aprile scopriremo se un manipolo di giudici vuol far passare il gossip attraverso il setaccio della storia o viceversa. O se, più semplicemente, vuole incastrare un malfattore. Bisognerà aspettare quindi.
Quel che è certo è invece che l’attualità (che è la madre della storia) ci costringe a scrivere capitoli di una farsa con protagonisti grotteschi che non meriterebbero neanche il ruolo di comparse, se solo il merito valesse nel giudizio finale.
Renzo Bossi assediato dai cronisti che lo interrogano sui destini della nazione.
Nicole Minetti intervistata dalla prima televisione al mondo, la Cnn, che la qualifica come l’igienista dentale di S.B. e nulla di più. Per fortuna.
Signore e signorine del Pdl chiamate a raccolta per testimoniare in tv, tutte imbellettate, l’onestà virile e intellettuale del premier.
Maurizio Gasparri che invoca il processo breve e maledice il giudizio immediato, perché c’è brevità e brevità.
L’inopinato ministro Angelino Alfano che ha confuso il suo ruolo di Guardasigilli con quello di guardiacaccia o peggio di guardia del castello.
Che pena!

Please follow and like us: