Impegni

Pochi appunti per quest’anno (pubblici quindi solenni).

Diffidare di quelli che non ti chiamano mai e si fanno vivi improvvisamente.
Preferire la Ceres alla Beck’s.
Celebrare tutte le feste familiari e fottersene di quelle istituzionali.
Imparare a fare lo strudel.
Non incazzarsi se la fattura te la pagano in ritardo.
Continuare a non fumare.
Scrivere, scrivere, scrivere.
Leggere, leggere, leggere.
Rispondere a chiunque ti fa una domanda.
Domandare senza aver paura.
Evitare la compulsività negli acquisti di roba tecnologica.
Accettare le critiche di chi non ha interesse a metterti in difficoltà solo per motivi personali.
Mandare a quel paese tutti gli altri.

  

20 Comments

  1. salvatore battaglia
    Gen 05, 2011 @ 09:11:40

    Condivido il primo punto: attenti a chi si fa vivo improvvisamente, inaspettato:
    Non condivido la scelta dela birra: la migliore
    al mondo è quella ceca: peccato sia difficilmente
    in vendita a Palermo.
    Condivido: leggere,leggere, scrivere, scrivere

  2. marid@
    Gen 05, 2011 @ 09:24:31

    mi sembrano tutti buoni propositi :D

  3. Tex Willer
    Gen 05, 2011 @ 09:28:55

    Per Gery: l’impegno di imparare a fare lo strudel (cosa pressoché impossibile per i non nativi) denuncia forse un improvviso e tardivo innamoramento per l’Alto Adige?
    N.B. Io ci berrei sopra un bicchiere di Manna 2008 di Franz Haas, stupefacente connubio di Gewurztraminer, Riesling, Sauvignon Blanc e Chardonnay.
    Un modo spettacolare per avviare al meglio un 2011 che promette travasi di bile per 365 giorni.

  4. Tanus
    Gen 05, 2011 @ 10:15:26

    E se imparassi a fare il buccellato?

    Come birra ancora mi sogno la notte la Weissbier della Franziskaner, bevuta a Monaco.
    Ma anche un paio di ottimi boccali di birra (non so se Ceres o Beck’s) bevuti con una ancor più ottima compagnia…

    Ancora tanti Auguri cari Gery e Daniela.

  5. Angelo
    Gen 05, 2011 @ 11:31:17

    L’undicesimo impegno (evitare la compulsività negli acquisti di roba tecnologica) lo prendo anch’io da anni. Ma rispettarlo è difficilissimo.

  6. mara
    Gen 05, 2011 @ 11:51:07

    sottoscrivo per natura e per mestiere il settimo, l’ottavo, il nono e il decimo.

    Per tutti gli altri………che dio ci aiuti!

  7. Gery Palazzotto
    Gen 05, 2011 @ 13:12:59

    Ha ragione Tex, ieri ho tentato di fare lo strudel ma dopo un’ora abbondante di lavoro ho dovuto buttare tutto!

  8. BIX 73
    Gen 05, 2011 @ 13:53:53

    hai dimenticato il più importante correre correre correre (per me dopo una artoscopria sarà un ritorno) con le endorfine al max tutto il resto sarà …quasi una passeggiata (a passo svelto però!)

    Auguri da una Milano re-frozen!

  9. Gery Palazzotto
    Gen 05, 2011 @ 14:42:19

    Correre non è un impegno, ma una missione. Auguri a te Bix!
    @angelo. Per me purtroppo la tecnologia è un vizio.
    @Tanus. Per fortuna il buccellato non mi piace.

  10. salvatore battaglia
    Gen 05, 2011 @ 15:46:58

    Mi permetto esaltare il nostro buccellato, di gran lunga superiore allo strudel.
    Il buccellato siciliano è unico, squisitissimo,
    geniale.
    Il buccellato (mi perdoni l’Autore) batte lo
    strudel 10 a 0
    E poi il seguito del Marsala.
    Abbiamo in Sicilia produzioni dolciarie uniche
    al mondo

  11. Tex Willer
    Gen 05, 2011 @ 19:26:01

    @ Salvatore Battaglia. E’ vero, se ci imponiamo di non attraversare mai lo stretto di Sicilia, se non ci confrontiamo col resto del mondo, noi siciliani, guardandoci allo specchio, pensiamo di essere unici, insuperabili in tutto, anche nella sfrontatezza, nella superficialità e, soprattutto, nella superbia.
    Infatti è vero che abbiamo tutto ma, come dice Pino Caruso, quello che ci manca è il resto.
    Shalom.

  12. la contessa
    Gen 05, 2011 @ 19:36:35

    La terza che hai detto.
    E ne aggiungo uno, di impegno (pubblico e decisamente solenne): rivedere il concetto di amicizia. E innalzare barriere alte, alte, alte… A difesa della propria serenità.
    Buon anno a tutti!

  13. torietoreri
    Gen 05, 2011 @ 21:18:59

    Oggi ho bevuto una Beck’s. Hai ragione. Per lo strudel, lascialo fare agli alto-atesini. Per il resto, condivido.

  14. mara
    Gen 05, 2011 @ 23:23:04

    allora oltre a una 48 ore dedita ai ripieni delle paste fatte in case ci dedicheremo anche un momentino anche allo strudel!!!

  15. mara
    Gen 05, 2011 @ 23:23:39

    scusate anche una volta sola

  16. Angelo
    Gen 06, 2011 @ 23:02:30

    A me piacciono molto sia lo strudel sia i buccellati (infatti, ne esistono varie tipologie).

  17. paolo beccari
    Gen 07, 2011 @ 08:28:15

    Tutti impegni assolutamente condivisibili. Cambierei solo lo “scrivere, scrivere, scrivere” con un “fotografare, fotografare, fotografare”, ma solamente per una mia attitudine.
    @Tex Willer: sei forte!
    @la contessa: da giovane (!) ho fatto l’alpino, per cui se la barriera non è proprio alta alta altissima posso superarla… P.S.: bentornati!

  18. Verbena
    Gen 08, 2011 @ 20:41:04

    condivido tutto tutto…. o quasi. Vedi Gery, lo strudel è banalotto. Impegnati per qualcosa di più serio. Canederli, ad esempio? Torta montana ai frutti di bosco? Sacher originale? Tienimi presente per le ricette

  19. Gery Palazzotto
    Gen 09, 2011 @ 10:30:21

    Cara Verbena, non girare il coltello sulla piaga. Lo strudel è la cosa più difficile in cui mi sia cimentato. E ho fallito!
    Credo che mi toccherà affrontare l’argomento culinaria, presto su questo blog.

  20. salvatore battaglia
    Gen 10, 2011 @ 21:35:56

    Devo chiedere venia: in un precedente intervento
    con eccesso di entusiasmo avevo dichiarato la
    produzione dolciaria siciliana unica al mondo:
    per taluni prodotti è vero.
    Ma esiste una produzione dolciaria in Italia
    altrettanto importante.
    Anche lo strudel prodotto in Austria, Germania,
    Repubblica ceca è un grande raffinato prodotto: Molti anni or sono lo gustai a Praga: straordinario, raffinato.
    Chiedo scusa per la mia esuberanza palermitana.

Leave a Reply