Macerie di burocrazia

DiPalermo è entrato, in esclusiva, all’interno del Palazzetto dello sport di Palermo. La buona notizia è che Alessandro Amato è riuscito a sopravvivere alle trappole delle macerie e ai soffitti pericolanti. La cattiva è che un’opera costata venti miliardi di lire ora vale qualche spicciolo.

  

4 Comments

  1. pirsimona
    Ott 29, 2010 @ 20:17:01

    Non per sminuire l’inchiesta che comunque ho guardato con interesse, ma è comparsa la webcam sul ponte di via Belgio!!! Hai esaudito la mia richiesta! Adesso prima di uscire da casa avrò appuntamento fisso per controllare l’andamento del traffico (“tentacolare e vorticoso” direbbe johnny stecchino)

  2. Gery Palazzotto
    Ott 29, 2010 @ 20:21:08

    Pizza pagata allora?

  3. Macerie di burocrazia | Informare per Resistere
    Ott 30, 2010 @ 12:46:13

    […] del Palazzetto dello sport di Fondo Patti, chiuso da oltre due anni. Visualizza altro http://www.gerypalazzotto.it/2010/10/29/macerie-di-burocrazia/ var Taggable_iWpVersion = '3.0.1'; var Taggable_sUrlOfPage = […]

  4. spallanzani
    Ott 30, 2010 @ 14:26:04

    lodevole iniziativa quella di Amato. chiunque dispone di un microfono e di un minimo di credibilità dovrebbe spendersi per mettere in luce lo sfacelo che ci circonda.
    saluti

Leave a Reply