Rallentare

Sono giorni di superlavoro, per quel che sapete e anche per altro. Ieri sera ero a cena con mia moglie e la ammiravo di fronte a me, sempre forte e bella. Io invece mi vedevo un po’ meditabondo e ricurvo sui pensieri che le andavo illustrando.
Tra le altre cose, le dicevo che quando ero ragazzo lavoravo anche quindici ore al giorno e non volevo mai fermarmi, tiravo dritto a ogni incrocio della vita e me ne fregavo se a letto crollavo senza spegnere la luce.
Ora invece è diverso. C’è più gusto ad andar piano, perché sennò sfuggono molti dettagli. C’è il fisico che reclama la sua dose di prudenza. E soprattutto c’è lei, mia moglie, che merita il meglio. Quest’ultima frase non gliel’ho detta perché nel pacchetto che mi comprende (una specie di offerta speciale) c’è pure una dose esagerata di timidezza mista a coglionaggine.
Ne approfitto per dirglielo adesso e per esortarvi a rallentare, voi tutti, se avete qualcuno da amare.

  

18 Comments

  1. mara marino
    Ott 12, 2010 @ 07:15:02

    allora la mia giornata sarà a rallentatore e cercherò di apprezzare, tout court.

  2. paolo beccari
    Ott 12, 2010 @ 07:49:55

    Parole sante caro Gery, rallentare non ci farà che bene.

  3. paolo beccari
    Ott 12, 2010 @ 10:26:17

    A proposito di rallentare, poco fa ho visto un video che mi ha sconvolto, non tanto per il contenuto quanto per l’indifferenza delle persone! http://tv.repubblica.it/edizione/roma/litigano-nel-metro-infermiera-in-coma-per-un-pugno/54592?video.
    Ma dove stiamo andando? In quale modo possiamo rimediare a tanta meschinità?

  4. la contessa
    Ott 12, 2010 @ 11:14:40

    Caro Paolo, io credo che siamo già arrivati, e da un bel pezzo. E penso che la meschinità come la chiami tu, ci sia sempre stata dall’Australopithecus in poi, solo che adesso è mediaticamente manifesta.

  5. gianni allegra
    Ott 12, 2010 @ 11:59:04

    A volte rallento così tanto che mi pare di procedere a ritroso…

  6. Mirella
    Ott 12, 2010 @ 12:46:14

    Man mano che passa il tempo per fortuna non aumentano solo le rughe, ma aumenta anche la saggezza, e così si impara che nella vita “l’andatura da crociera” aiuta a gustare i particolari. Almeno questo, dopo i 50, io l’ho imparato. Grazie per averlo ribadito con un bellissimo post.
    Mirella

  7. rosipa
    Ott 12, 2010 @ 14:36:04

    anche io sento di avere bruciato troppi neuroni, nella spasmodica competizione personale di fare di più, presto e meglio. La sensazione di combattere una corsa contro le lancette della propria esistenza mi accompagna sempre, anche adesso che potrei rilassarmi. Vorrei rallentare, ma non riesco a fermarmi, mai.
    Bellissima dichiarazione d’amore, che bello, mette buon umore.

  8. la contessa
    Ott 12, 2010 @ 14:53:55

    Donna molto fortunata…

  9. jana
    Ott 12, 2010 @ 16:04:27

    Ogni volta una dichiarazione più bella…
    Bravo.
    e tanta felicità.

  10. Verbena
    Ott 12, 2010 @ 16:29:13

    Bel post, anzi direi un gran bel post.

  11. torietoreri
    Ott 13, 2010 @ 08:42:18

    Un bellissimo proverbio africano recita: “Voi avete gli orologi, noi abbiamo il tempo”.
    Torietoreri

  12. Verbena
    Ott 13, 2010 @ 09:50:28

    In verità è stato il mio corpo a suggerirmi (impormi) di rallentare. Ma da quando i risultati sono arrivati ( e ho dovuto modificare, ancora una volta, lavoro, modelli di management familiare e non) ne hanno beneficiato il mio rapporto d’amore e i miei figli.

  13. giusicilia
    Ott 13, 2010 @ 20:44:34

    che bel post! mi sono emozionata

  14. Gery Palazzotto
    Ott 14, 2010 @ 00:02:46

    Che dire? Sono felice che vi sia piaciuto!

  15. Maristella
    Ott 15, 2010 @ 09:01:23

    Bellissimo post. Lo leggo in un giorno memorabile per la mia vita e mi commuove.

  16. la contessa
    Ott 15, 2010 @ 09:13:55

    Mille auguri, Maristella… e si ricordi di respirare.

  17. Maristella
    Ott 15, 2010 @ 09:18:51

    Non mi sposo. Ma è una cosa altrettanto importante. Vi aggiornerò, quando mi “autorizzeranno” a farlo ;-)

  18. la contessa
    Ott 15, 2010 @ 09:25:08

    Beh, mi pare che respirare correttamente sia ancora più importante, allora. Attenderò per gli auguri…

Leave a Reply