L’Espresso questa settimana si accorge di una notizia non proprio nuova. Però è meglio tardissimo che mai.