Cammarata e il Giornale di Sicilia


Nell’intercettazione pubblicata oggi dal Giornale di Sicilia il sindaco di Palermo, Diego Cammarata, dà dello psicopatico al condirettore del giornale, Giovanni Pepi, e suggerisce all’ex presidente dell’Amia, Gaetano Lo Cicero, di tenere pulite le strade in cui abitano Pepi e il direttore del quotidiano Antonio Ardizzone.
Queste righe ci dicono alcune cose a mio parere importanti.
1)    Il sindaco, che ha sempre teso a minimizzare l’emergenza immondizia, ammette che Palermo annega nella spazzatura e invita, colpevolmente, Lo Cicero a fregarsene del “resto della città” e a concentrarsi solo sulle zone calde.
2)    Il Giornale di Sicilia, che in passato e per lungo tempo ha tenuto nei confronti di Cammarata, un atteggiamento benevolo e protettivo ha, negli ultimi mesi, cambiato registro.
3)    Il camper del GdS ha un’utilità sociale e, da oggi, giudiziaria. Vero giornalismo on the road.
4)    Un sindaco che parla così di un giornalista è un cialtrone.
5)    Un sindaco di Palermo mollato dal giornale di Palermo, se non si chiama Leoluca Orlando, va a picco senza lasciare bollicine.

  

3 Comments

  1. holdenC
    Lug 13, 2010 @ 17:26:56

    io non penso ad altro da stamattina

  2. il cacciatorino
    Lug 13, 2010 @ 18:05:22

    Tuttavia la mozione di sfiducia non è passata. Lo tengono ancora lì.

  3. giusicilia
    Lug 14, 2010 @ 13:04:11

    “ma non sa neanche farsi ascoltare dal direttore dell’amia,in quei giorni nella zona di piazza sant’Angeli,nè via Lincoln,nè piazza Sperlinga venivano risparmiate dai cumuli di rifiuti. Né in quei giorni né oggi”….ma che vuol dire? Ah se solo Lo Cicero lo avesse ascoltato….!
    Viene da pensare,perdonatemi,ma che fa avia ragiuni u sinnacu?!?

Leave a Reply