Saper aspettare

In Svizzera consegnano i preservativi a domicilio. Insomma riescono a far coincidere i tempi biologici (quelli dell’erezione) con quelli burocratici (la posta celere). Si vede che sanno aspettare e che magari non soffrono di eiaculazione precoce.
E a tal proposito – del saper aspettare – vi giro una barzelletta che ho sentito ieri (io odio le barzellette, ma questa è carina e soprattutto breve).

Una cicogna vola reggendo un fagotto con dentro un novantenne.
Il vecchietto la guarda con compassione e le dice: “Ci siamo persi, eh”.

Grazie a Tex “Fabrizio” Willer.

  

8 Comments

  1. Floriano
    Lug 06, 2010 @ 17:15:17

    Li consegnano a domicilio?! tipo la differenziata a Palermo.

  2. Io
    Lug 06, 2010 @ 17:24:36

    Tempo fa ebbi una “amica” sguizzera.
    Sono persone precise e puntuali, tant’è che gli orologi più ambiti sono svizzeri.
    Venne qui in vacanza per un mese. Ossessiva nella precisione. Sveglia sempre allo stesso orario, corsa mattutina, doccia, spiaggia, doccia,insalatina a pranzo alle 12.30 e via di questo passo.
    Anche nel sesso sono misurati:
    nei tempi (quando);
    nei tempi (quanto);
    nei numeri (quanto);
    nei numeri (posizione).

    Pertanto è semplice per uno svizzero pianificare la consegna, sa già prima quando deve avere il presidio (medico) a disposizione. Questione di puntualità.

    Dopo un mese di vacanza, la svizzera, ha avuto qualche problema di riadattamento in patria. Si era abituata ai ritmi siciliani:
    si alzava quando voleva lei;
    si alzava anche quando non voleva lei;
    andava e veniva tutte le volte che voleva;
    a pranzo s’ammuccava pure a me;
    nonostante gli allenamenti mattutini aveva sempre il fiatone;
    ma soprattutto ha perso di puntualità, veniva sempre agli orari più impensati.

  3. il cacciatorino
    Lug 06, 2010 @ 17:28:07

    Preferisco gli svizzeri.

  4. Tanus
    Lug 06, 2010 @ 17:31:23

    Maestro… scusi:
    gli “svizzeri” cosa?

  5. il cacciatorino
    Lug 06, 2010 @ 18:16:31

    Alla svizzera sopra citata che prende tutte le peggiori abitudini di noi siciliani preferisco una svizzera che rimanga svizzera. Nonostante la vacanza di un mese a Palermo. L’idea che siamo contagiosi mi inquieta.

  6. il cacciatorino
    Lug 06, 2010 @ 18:19:18

    Ma non ci fare caso. Io sono uno fissato con la puntualità e mi sveglio prestissimo la mattina. Praticamente dovrebbero levarmi la cittadinanza.

  7. il cacciatorino
    Lug 06, 2010 @ 18:27:14

    Scusate l’OT, ma mi ha colpito un titolo che ho letto qui accanto:
    “Cammarata? Ha chiuso tutti e due gli occhi”.
    Peccato. Volevo pensarci io.

  8. Tanus
    Lug 06, 2010 @ 18:37:52

    @Cacciatorino:
    il problema non sono tanto gli occhi. Il vero problema si vede in tutte le sue foto: ha sempre la bocca aperta, ma manca l’audio.

Leave a Reply