Il corpo di Cristo (bibite incluse)

Gira in questi giorni, tra gli annunci pubblicitari di Google posizionati in siti e blog, questo banner di un ristorante di Isola delle Femmine in provincia di Palermo.
Se – come luogo comune insegna – la pubblicità è l’anima del commercio, quale miglior testimonial di chi l’anima la conosce meglio di tutti (difetti di fabbrica compresi)?

  

176 Comments

  1. Abbattiamo
    Mag 17, 2010 @ 12:38:35

    Il proprietario è tenuto in grande considerazione: quello che dice lui è vangelo.

  2. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 12:40:24

    Vero Abbattiamo.
    L’ultimo che ha scritto qualcosa che non gli sconfinferava, ha preso tutti i suoi rotoli e li ha seppelliti presso il Mar Morto.

  3. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 12:42:32

    Il proprietario non usa mai “io soggetto”, usa sempre “io verbo”.

  4. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 12:43:28

    La sera, per accendere la luce, basta che il proprietario mormori: Fiat Lux.

  5. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 12:44:25

    In quel locale il telefono non si usa per comunicare, ma solo per scomunicare.

  6. gianni allegra
    Mag 17, 2010 @ 12:47:10

    E poi a Ostia c’è un’osteria…

  7. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 12:48:40

    Menù per vegetariani: iscariote alla julienne.

  8. gianni allegra
    Mag 17, 2010 @ 12:49:15

    E ci sono francescani che bevono certi cappuccini…

  9. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 12:50:43

    Possibile pacchetto cena-cabaret, in collaborazione con “il Convento”.

  10. gianni allegra
    Mag 17, 2010 @ 12:52:56

    E quelle detestabili polpette in umido, le monachine?

  11. gianni allegra
    Mag 17, 2010 @ 12:56:31

    Il conto è uno schiaffo. Lasciare la mancia sarebbe come porgere l’altra guancia.

  12. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 12:59:43

    Il cameriere non ama Saviano, lo fa aspettare sempre ore per un tavolo.
    Quelli che vengono da Sodoma invece, gli trova subito un posto dove sedersi.

  13. Vincenzo
    Mag 17, 2010 @ 13:19:00

    Dite quello che volete, ma io ho mangiato un piatto di spaghetti allo scoglio che mi hanno fatto risuscitare!

  14. Massimo
    Mag 17, 2010 @ 13:30:48

    Ed il caffé? Solo Tonaca di Monaco!

  15. gianni allegra
    Mag 17, 2010 @ 13:35:54

    Barabba al rhum.

  16. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 13:37:43

    Chiedo venia.
    Il cameriere, a proposito del caffé (Tonaca di Monaco), quando te lo porta, per farti capire che è buono ti dice:
    tu u culu(ri) cià taliari.

  17. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 13:42:30

    Al posto dell’ammazzacaffé, a chi piace, servono l’ammazzaladrone.

  18. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 13:43:44

    Altrimenti… Petrus o Amaro Averno.

  19. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 13:45:00

    Con l’Amaro del Carabiniere non vanno molto d’accordo invece.

  20. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 13:46:15

    Sull’Unicum ci hanno messo una croce.

  21. Massimo
    Mag 17, 2010 @ 13:48:49

    Tovagliati? sempre puri ed il celeste é di regola.

    Quasi una rivelazione l’insalata con i San Marzani e Basilio.

  22. jana
    Mag 17, 2010 @ 16:39:02

    Sì, ma in principio era…Il Verro…dopo divenne Cutino…

  23. Massimo
    Mag 17, 2010 @ 17:10:58

    E le Cape Sante? Che dire delle Cape Sante? Le fanno in maniera Divina!

  24. Tanus
    Mag 17, 2010 @ 19:19:25

    Per non parlare di come cucinano il pesce San Pietro: un nirvana.

  25. giusicilia
    Mag 17, 2010 @ 20:23:29

    il pesce non manca mai,e anche i pani

  26. Tanus
    Mag 18, 2010 @ 10:19:31

    I clienti sono così affezionati che per mandarli via devono schiodarli.

Leave a Reply