Il Vaticano usa il pugno di ferro contro padre Marcial Maciel Degollado, fondatore dei Legionari di Cristo, che nella sua vita ha abusato di bambini, donne e stupefacenti.
Due giorni fa, in un comunicato, la Santa Sede ha “certificato” che il prete “ha causato serie conseguenze nella vita e nella struttura della Legione, tali da richiedere un cammino di profonda revisione”.
Chiaro?
Secondo i porporati del Vaticano, le serie conseguenze del comportamento del prete delinquente sono quelle causate alla Chiesa, non quelle che colpiscono le decine di vittime deflorate e umiliate con la violenza più vigliacca, quella di chi dovrebbe agire per conto di Dio.
Marcial Maciel Degollado ha provocato un grave danno all’entourage religioso. Della psiche e degli sfinteri – o se preferite, dello spirito e della carne – delle vittime, il Papa e i suoi mastini della dottrina non si occupano.
Come è facile capire, la revisione annunciata da Ratzinger è utile come un treno deragliato.
Ah, padre Degollado è morto due anni fa.

Grazie alla Contessa.