Foto da The Big Picture


Qual è la sensazione che provate davanti a un fatto conclamato di cui vi sfugge qualcosa? La mia è un misto di eccitazione e di vergogna, una brodaglia che attende di diventare minestra, ma che potrebbe essere istantaneamente declassata a sciacquatura di piatti.
Questo è il limbo in cui mi trovo da qualche giorno (grazie anche a un paio di sollecitazioni di un noto allevatore di pulci per orecchie) nel contemplare gli effetti della ormai famosa nube del vulcano islandese.
Non sono uno scienziato, ma vivo di informazioni e di memoria.
Sul blocco semiplanetario dei voli potrei aver nulla da dire se non leggessi che gli unici effetti provati di queste eruzioni sono quelli sul clima, che è cosa ben diversa dal traffico aereo.
In più vivo in una regione che ospita il più alto vulcano d’Europa, in buona attività, e non ricordo che un’eruzione dell’Etna abbia causato disagi oltre Fontanarossa.
Dio solo sa quanto detesti i complottisti di ogni genere, ma stavolta c’è qualcosa che non mi quadra. Milioni di persone coinvolte, sistemi di trasporto bloccati, rapido turnover di elementi di informazione, richieste di risarcimento milionarie… tutto per un lontanissimo vulcano islandese che sbuffa nella sua porzione di cielo senza neanche avere l’onore di un nome al riparo dai refusi. Eyjafjallajokull, si pronuncia così (credeteci per fede).
Io ho un discreto controllo labliale solo sulle ultime quattro lettere.

Please follow and like us: