Gianfranco Miccichè sul suo blog attacca Giuseppe Castiglione (che non può difendersi telematicamente, perché il suo sito è fuori servizio).
Passa qualche minuto e Micciché ci ripensa: propone un’altra versione, molto ma molto più edulcorata, del suo pensiero.
Però su internet le ciambelle non hanno buchi. E le tracce restano.
Ecco il primo Micciché pensiero (cliccateci sopra per leggerlo).

E il secondo, quello che è online adesso.

Da ammirare l’esercizio di stile: capriola, avvitamento, altra capriola e ingresso in acqua perfetto.

Please follow and like us: