Furbo al 101 per cento

Se uno opera bene al 100 per cento e poi c’è l’uno per cento discutibile, quell’uno va messo da parte.

Silvio Berlusconi spiega quella che Ezio Mauro definisce come “nuovissima concezione della legalità a percentuale”.

  

3 Comments

  1. fm
    Feb 12, 2010 @ 11:52:20

    La frase completa sarebbe “…quell’uno per cento va messo da parte e valorizzato.”

  2. Maurizio Micale
    Feb 12, 2010 @ 11:54:15

    Gerry
    Qualche mese fa in un intervento sul blog e sempre a riguardo dello schifo che si può provare dalla lettura delle cronache della politica italiana dei tempi correnti – c’è ancora qualcuno che continua a definirla la “seconda repubblica” – scrisse provocatoriamente che la politica in Italia è “pornografia”. Ci siamo! Le cronache di queste ultime ore sembrerebbero provare che la provocazione, la satira, l’esagerazione di quella affermazione è largamente superata dalla realtà. Si profila un nuovo “Italian business model” condito con massaggi, sesso e, forse, altro. Vorrei aggiungere che anche l’informazione è pornografia, la stampa e la televisione. La strategia della comunicazione istituzionale è quella di mettere continuamente in discussione l’indipendenza della magistratura, di paventare il nichilismo, il qualunquismo, il giustizialismo, di ricercare il complotto per demarcare gli schieramenti per se stessi e per gli avversari politici.
    Ci stanno avvelenando con la loro informazione lentamente: piccole gocce, ogni giorno, ogni ora. Arriveranno nel cibo, nelle bevande. I giornali, la televisione del mattino, del pomeriggio, della sera, i TG sono già diffusamente inquinati. Stanno penetrando la testa e i cuori della gente. Fino a quanto i nostri cuori potranno resistere? A quando lo schianto del sistema? A me pare che non se ne esce più.

  3. Virus
    Feb 12, 2010 @ 15:26:01

    Se io vendo 10.000 euro di merce con fattura e 1.000 senza fattura, la finanza non mi può perseguire.

Leave a Reply