Nella marea quotidiana di dichiarazioni che si accavallano, stridono, si scontrano, esplodono, evaporano e ricadono al suolo come meteoriti, Berlusconi trova un nuovo termine dispregiativo per inquadrare la razza più odiata, quella dei magistrati: “dipendenti pubblici”, li definisce.
E, in soldoni, blatera che, essendo lui il sommo capo del settore pubblico (nel privato ci ha già privato di ogni speranza), non può tollerare ammutinamenti.
Se qualcuno riuscisse a oliare i suoi ingranaggi cerebrali (magari infilandosi nel lettone che arriva dall’ex Unione Sovietica, complice un travestimento da bionda a pagamento), sarebbe semplice comunicargli che – è vero – si deve pretendere fedeltà da parte dei propri dipendenti, ma con una minima postilla: lui, Berlusconi Silvio nato a Milano il 29 settembre 1936, è il primo dei dipendenti pubblici al nostro servizio.
E a molti di noi non piace la sua condotta.

Please follow and like us: