Prendete nota

Sabato scorso ho scoperto che a Palermo è possibile cenare in un palazzo del Settecento, assistere a un’originale lezione su Cartesio condita da inserti cinematografici, pagare poco e non avere fretta di tornare a casa.
Il progetto in cui mi sono imbattuto si chiama Cinematocasa ed è molto di più di un ristorante-cinema con pochi, preziosissimi, posti. E’ soprattutto un’iniziativa che va sostenuta con le uniche monete che servono in questi casi: la curiosità e il passaparola.
Prendete nota.

  

4 Comments

  1. Cinema and Cigarettes
    Nov 09, 2009 @ 00:42:27

    Bella iniziativa. Il cibo aiuta la conversazione (non il noiosissimo e forzato dibattito intellettual-cinefilo) e ad ammorbidire le diffidenze nei confronti delle opere sconosciute. Spero funzioni e si moltiplichi.

  2. pirsimona
    Nov 09, 2009 @ 11:10:50

    Consiglio vivamente, non è cosa di tutti i giorni potere trascorrere un sabato fuori casa nutrendo corpo e mente in contemporanea e tenendosi lontano dalla confusione che solitamente caratterizza qualsiasi locale nel fine settimana.
    Complimenti a chi ha ideato e realizzato tutto questo

  3. Daniela G.
    Nov 09, 2009 @ 12:58:39

    Un’iniziativa davvero piacevole e stimolante, da provare e ri-provare. Già prenotata la seconda lezione!
    Complimenti a Massimo e Germana, perfetti padroni di casa

  4. paolo beccari
    Nov 09, 2009 @ 13:06:59

    Beh, confesso che prima di metter piede nella casa di Massimo e Germana ero scettico, ma di uno scetticismo dettato alla mia ignoranza che confesso essere grande in tema di cinema (quello serio intendo). Appena si è aperta la porta di questo piccolo paradiso che è Cinematocasa mi sono sentito perfettamente a mio agio, subito immerso in un’atmosfera amichevole che gli ottimi padroni di casa, ma anche gli altri ospiti della serata, hanno naturalmente messo a nostra disposizione. La serata è trascorsa così riempiendomi di cose belle (e buone anche!) e lasciandomi il gusto di pensare e desiderare subito la prossima volta!

Leave a Reply