Palermo, un fiume di immondizia

La tassa sull’immondizia quest’anno dovranno venirla a riscuotere direttamente a casa mia. Così li potrò prendere a calcioni.

  

30 Comments

  1. Tony
    Ott 02, 2009 @ 11:16:12

    E se passeranno prima da casa mia troverai il loro sedere con già una impronta di piede n°42….

  2. maurizio
    Ott 02, 2009 @ 11:21:38

    questa giunta comunale a cominciare dal primo cittadino,e’ da mandare a kabul,pero’ come scudi umani.

  3. Anonimo
    Ott 02, 2009 @ 11:22:24

    Anch’io abito nella strada che si vede nel video e devo dire che mi sn schifata, ieri pomeriggio ho attraversato il fiume di immondizia per poter entrare a casa!Una volta dentro bisogna barricarsi e chiudere tutte le finestre per nn sentire la puzza VERGOGNOSO!!!

  4. Abbattiamo Berlusconi
    Ott 02, 2009 @ 11:29:44

    La m*rda in cui da tempo affonda questa città non è più solo metaforica.
    Grazie, Cammarata, grazie!

  5. il cacciatorino
    Ott 02, 2009 @ 11:29:59

    Che dire? Che mi piacerebbe veder scorrere tra quei sacchi anche le persone che hanno votato più volte Cammarata e ora agitano proteste ipocrite. Perché se siamo nella m**da è soprattutto merito loro. Che paghino, allora, e dicano pure grazie. E che i flutti li accompagnino.

  6. il cacciatorino
    Ott 02, 2009 @ 11:37:36

    Direi che i tempi sarebbero maturi per un bel sit-in di protesta (usiamo un eufemismo di moda negli anni ’70) davanti a Palazzo delle Aquile. Ma non quattro gatti, stavolta (quelli se li è già portati il nostro missi-pipì, morti stecchiti) la popolazione. E quando dico popolazione intendo non meno di qualche migliaio di persone. Questo individuo non deve restare un secondo di più sulla poltrona di sindaco (ammesso che ci si sia mai seduto). Avanti, Palermo, tira fuori le palle come sai fare quando c’è da litigare a un incrocio o per un posteggio. Fammi vedere che non sai solo abbaiare da vigliacca. Facciamo schifo agli occhi del resto di Italia. Non t’importa? L’onore lo tiri in ballo solo nelle minc***te? Se si fa, io ci sarò. Stabiliamo un quando, un passa parola, qualcosa. Scusate lo sfogo, ma io da cittadino, non la posso vedere una cosa così. Mi vergogno.

  7. il cacciatorino
    Ott 02, 2009 @ 11:48:15

    Non so niente di comitati di opinione o petizioni che abbiano un valore sul piano legale e simili. Non sarebbe bene cercare di organizzare un gruppo compatto – e numeroso, più numeroso possibile – di gente che quest’anno NON pagherà una tarsu aumentata del 175%? Si può usare questo filmato come valida motivazione del “non ti pago”? C’è qualcuno che sa farle queste cose? Io offro la mia adesione e tutta la buona volontà nel collaborare.

  8. pirsimona
    Ott 02, 2009 @ 11:49:49

    è una scena da terzo mondo, non ci sono parole

  9. Abbattiamo Berlusconi & Cammarata
    Ott 02, 2009 @ 11:55:37

    @cacciatorino: Ci sto!

  10. paolo beccari
    Ott 02, 2009 @ 12:46:04

    Mi rendo disponibile per qualsiasi cosa si possa (debba) fare per far finire questo scempio. A partire dal nostro (?) sindaco. Chissà se il suo ufficio stampa sta monitorando il disgusto che lo riguarda…. vogliamo scommeterci?

  11. paolo beccari
    Ott 02, 2009 @ 12:46:30

    Ah, nemmeno io pagherò la tarsu.

  12. Floriano
    Ott 02, 2009 @ 13:19:47

    Manda un sms e ci sarò. Cammarata a Bellolampo!!

  13. rosipa
    Ott 02, 2009 @ 14:17:05

    per cacciatorino:
    credo che l’iter sia questo:pagare la tassa, e poi, documentando la negligenza dei preposti al servizio di raccolta rifiuti, chiedere il risarcimento al comune. E’ gia successo a Napoli mi pare…

  14. baldassare
    Ott 02, 2009 @ 15:53:03

    Ci sto anch’io. Fatemi sapere.
    Non so se questa immondizia sia peggiore dell’immondizia nazionale che ci governa. Forse c’è un continuum. Forse è la stessa immondizia. Forse questa immondizia è un'”emanazione” di quella. Come si dice nel Credo : generata, non creata. Ad Alcamo, dicono c’è ancora oggi un fenomeno del genere: il trombonista della banda del paese dicono che non esista realmente ma che sia una concrezine del suo strumento. E’ in effetti robusto, con guance paffute, con sguardo assorto, sembra una propaggine dello stesso strumento, e , dicono, sembra non avere materia normale: il suo corpo è fatto di note.
    L’immondizia che galleggia, tornando al fatto non è altro che l’annunzio, il presagio, della dittatura

  15. baldassare
    Ott 02, 2009 @ 15:54:10

    concrezine : concrezione

  16. Lele Db
    Ott 02, 2009 @ 16:10:52

    salve, queste immagini sono veramente forti da me la situazione è esattamente all’opposto come dimostrano i link che allego, ma per curiosità a Palermo quanto pagate di tasse per lo “smaltimento” dei rifiuti? qui nel bellunese una famiglia composta da 4 persone paga circa 200 euro all’anno, ma dipende anche da quanto materiale non riciclabile (secco) produce. grazie, saluti a tutti.
    http://ricerca.gelocal.it/corrierealpi/archivio/corrierealpi/2009/03/26/BL5PO_BL505.html
    http://ricerca.gelocal.it/corrierealpi/archivio/corrierealpi/2009/07/16/BL5PO_BL501.html

  17. pirsimona
    Ott 02, 2009 @ 16:17:42

    A questo punto non vale nemmeno la pena di raccogliere la spazzatura nei sacchetti di plastica, basta aprire la finestra e buttare tutto giù.
    Poi la pioggia farà meglio dell’Amia

  18. elisa
    Ott 02, 2009 @ 16:31:44

    Perchè non iniziamo la protesta appendendo sui nostri balconi un lenzuolo per dire basta a Cammarata? Darebbe sicuramente molta visibilità e sensibilizzerebbe i cittadini, anche i più pigri che non vogliono scendere in piazza.

  19. Mauro
    Ott 02, 2009 @ 17:29:52

    Conoscendo il nostro AMATO sindaco, ora organizzerà una task force di super esperti per studiare il problema….
    ma quando si dimette???? Altro che Berlusconi!!!!

  20. pirsimona
    Ott 02, 2009 @ 17:34:53

    @Lele Db: al nord voi fate la raccolta differenziata, rifiuti umidi, secco, plastica, vetro etc.
    C’è il giorno dedicato alla raccolta della plastica e il giorno dedicato alla raccolta del secco, a voi basta uscire il contenitore nel giorno preposto… che meraviglia!
    Qui a Palermo si butta tutto in un unico sacchetto, visto che i contenitori per la raccolta differenziata esistono solo (e in pochi esemplari) nei quartieri “bene”, mentre se abiti in periferia devi ringraziare di avere un cassonetto in cui buttare la tua spazzatura. E comunque non è ben chiaro se i rifiuti “differenziati” vengano effettivamente riciclati oppure finiscano comunque nella nostra favolosa discarica di Bellolampo.
    Mi pare che la Tarsu per una famiglia di 4 persone in un appartamento di circa 120 mq sia poco meno di 400 euro (dati dell’anno scorso)

  21. faguni
    Ott 02, 2009 @ 17:40:06

    Vengo anch’io!
    Sacchetto alla mano pronto al lancio!
    Anzi,per adottare la non violenza, pronto per essere garbatamente deposto sotto palazzo delle Aquile.

  22. il cacciatorino
    Ott 02, 2009 @ 18:14:23

    @pirsimonia: i rifiuti differenziati da noi finiscono dove si vede nel filmato. Tra i gorghi del missi-pipì palermitano che lava via ogni differenziazione.

  23. il cacciatorino
    Ott 02, 2009 @ 18:35:32

    @Lele DB. Lì nel bellunese l’immondizia è probabilmente nient’altro che immondizia. Da noi è materia di arte, soggetta a disavventure creative. In principio, c’erano i cassonetti decorati da Maurilio Catalano e altri pittori, con astratti scenari costieri. Finirono vittima del foco di orrende pire. Risorsero, scorticati e rassegnati ad antica modestia, come araba fenice. Poi venne l’esperimento dei pali cammaratiani: tubi piantati a mo’ di totem dove depositare un tributo di monnezza. Li si vide nascere nelle zone “bene”, dove i sacchetti di spazzatura, evidentemente, escono dalle case infiocchettati e profumati e non disturbano olfatti e senso estetico. I tributi dei palermitani “chic” si trasformarono subitissimo in tumuli puzzolenti e pieni di sorci. Non si vedevano più i pali. Sparirono i totem e venne la fase kafkiana, che ancora dura: gli spazzini devono eliminare la mondezza che loro stessi hanno creato scioperando, e scioperano perché la monnezza che è lievitata dallo sciopero è troppa perché non si debba riscioperare, e così via. Poi è piovuto tanto. I tombini e le condotte hanno obbedito a Giove Pluvio che spesso li riduce alla ragione otturandoli. Nemesi o Deus Ex Machina? Non si sa. Fatto sta che abbiamo avuto il nostro Gange, come si vede nell’eccezionale filmato. Affittasi barche, alla modica cifra di un paio di bollettini Tarsu, e cercasi skipper, possibilmente con un secondo lavoro. Tutto pagato “nostro”.
    Uff… Capisce com’è molto più semplice la vita a Belluno?

  24. stella
    Ott 02, 2009 @ 18:36:11

    mi viene da piangere vedere,vivere e subire lo schifo che sta procurando tutta l’amministrazione comunale! perchè la responsabilità e di tutti principalmente del sindaco primo cittadino ma di chi ,non certamente di noi palermitani che gridiamo il dolore che vive la nosta amata Palermo.

  25. Lele Db
    Ott 02, 2009 @ 18:38:34

    @pirsimona grazie per la tua risposta.

    non gettate i sacchi dalla finestra, portateli direttamente a casa del sindaco, organizzate un bel carico, qualche camion pieno eppoi… effettuate lo scarico nel giardino del primo cittadino! chissà quanto ci mettono a portare via l’immondizia da li?!?!?!?
    vi auguro una rapida risoluzione per questa situazione davvero insostenibile,ed inaccettabile!!!

  26. Lele Db
    Ott 02, 2009 @ 18:56:20

    @cacciatorino, grazie e complimenti, bella risposta, bella ironia! quale sarà la prossima fase? … forse è la volta buona?!?!? speriamo!

  27. Abbattiamo Berlusconi & Cammarata
    Ott 02, 2009 @ 22:57:51

    Per saperlo: nonostante il problema spazzatura e la questione della barca, ieri sera Cammarata era serenamente al Tribeca a sbevazzare.

  28. fm
    Ott 03, 2009 @ 11:09:20

    mi viene un pensierino blasfemo: ammesso che noi riuscissimo a fare la raccolta differenziata e a conferirla opportunamente, dopo per lo smaltimento dove la inviamo? Per quello che si sa, spesso da nord ( lo scrive anche Saviano) vengono inviate a sud le derrate di spazzatura da smaltire in discariche più o meno abusive. Ma noi siamo la regione più a sud che ci sia, dove la inviamo per lo smaltimento?

  29. fm
    Ott 03, 2009 @ 11:44:24

    OT
    certo che ogni volta che si apre il sito di Gery Palazzotto, se non si ha avuto l’accortezza di azzerare l’audio, ci si debba sentir parlare di problemi di stitichezza non è proprio elegante!
    Ma è vero: pecunia non olet

  30. Gery Palazzotto
    Ott 03, 2009 @ 18:26:24

    @fm. Hai ragione. E’ il difetto dei filmati importati da Repubblica. Cercherò di porre rimedio.

Leave a Reply