Prove di Libero dialetto

libero2

libero1

Libero.it sta pensando a una home page in dialetto?

Grazie a Raffaella Catalano.

  

13 Comments

  1. silvia
    Set 12, 2009 @ 16:10:43

    Mi… ero dentro un bar, bevevo un caffè con il mio futuro marito. Alla tv trasmettevano le immagini, sembrava un videogioco, qualcosa difficile da credere. Ricordo bene le nostre facce riflesse ad uno specchio.

  2. il cacciatorino
    Set 12, 2009 @ 16:35:04

    Ieri a un tg sono incappato in un servizio sul prossimo tg padano. Il conduttore aveva l’aria a) di sentirsi molto imbarazzato b) di non sapere bene il proprio dialetto c) di non vedere l’ora di usare qualche parola italiana al posto di quelle che non gli venivano. Poi hanno fatto sentire anche la segreteria telefonica della redazione. Alla frase che suonava pressappoco “schiscia el butùn” (premi il tasto, suppongo) non ce l’ho fatta e sono esploso in una risata. Propongo di adeguarci e di tradurre nel proprio dialetto i commenti ai post.

  3. il cacciatorino
    Set 12, 2009 @ 16:43:10

    Ajeri incucciavu un sirbiziu ca parrava ‘ru tg padanu. Chiddu ca liggieava i notizie parieva ca: primu) s’affruntava. Secunnu) ca unnu sapieva mancu iddu chiddu ca avieva a ddiri in dialetto ri ‘dda… ‘ra… padania, o comu schifiu ci ricinu. Tiearzu) parieva ca iava circannu i paruoali italiani picchì chiddi padani ‘un ci vinievanu. Poi ficiru siantiri puru ‘a segreteria telefonica ca ci rispunni ai cristiani ‘ru pubblicu. Quanno rissiru “sciscia el butùn”, ca viene a ddire a ttipo: ammacca ‘u buttuni, minkia, mi futtivu i rririri. L’hamu a ffari puru nuavutri? Amunì!

  4. Raffaella
    Set 12, 2009 @ 16:51:00

    @il cacciatorino:
    Geniale! Sono di parte ma… geniale.
    Gggeniale. Sugnu to mugghieri, ma… gggeniale. (mi adeguo…)

  5. la contessa
    Set 12, 2009 @ 19:32:08

    “L’hamu a fari” con la H.
    Dieci e lode, cacciatorino.

  6. Gery Palazzotto
    Set 12, 2009 @ 19:33:47

    Maestro Cacciatorino, ma così mi fa concorrenza al famoso letterato dell’Accademia della Broscia.

  7. il cacciatorino
    Set 12, 2009 @ 19:58:11

    Il famoso letterato della Broscia, se va avanti così, lo faranno ministro della cultura del prossimo stato indipendente di Sicilia. O magari degli affari esteri. E andrà in Padania con uno stuolo di diplomatici. A parlare di export di meusa e di protezionismo in materia di sasizza con finocchietto.

  8. il cacciatorino
    Set 12, 2009 @ 20:05:41

    Traruzzuani nustrali: U’ spiertu ra Broscia, ri stu passu, u fannu ministru ‘ra cuirtura ‘ra Sicilia ‘ndpindieanti. Opuro ci runanu ‘a-ffari ieastiri. E chiddu sinni va ‘dda fuara, ‘nna Padania, chi ddiplomatici pi’ discurririsilla: ca s’hannu a-ccattari a mieuvusa cu scuntu e nuavutri nn’hamu a manciari sulu sasizza nustrali – no i frustell ri iddi ‘dda ‘ncapu – chidda ‘npietra, però, ca’ finucchina, sinno finiu. Chistu è l’ultimu comunicatu ra Sicilia ‘ndipindieanti, ca ggià m’abbutto, e fuarsi puru a vuavutri.

  9. il cacciatorino
    Set 12, 2009 @ 20:06:40

    Mancanu una puaco ri accienti. Domando scusi.

  10. fm
    Set 13, 2009 @ 08:26:42

    Una domanda sola Mister Cacciatorino: i vari assessori, ministri, diplomatici e ambasciatori di “cuirtura” della Sicilia “nnipennenti” con i corrispondenti pari grado della libera terra di Padania come parlarenno fra loro?
    A gesti? Sarà d’obbligo nelle scuole il linguaggio dei sordomuti?

  11. il cacciatorino
    Set 13, 2009 @ 08:52:26

    @fm: spero mi perdoni la risposta greve, ma è scritto, nero su bianco, nello statuto della prossima confederazione.
    Comunicheranno a rutti.
    E’ questo un linguaggio nel quale entrambe le attuali rappresentanze, come si può sovente constatare dalle loro apparizioni pubbliche, eccellono. Sono previsti corsi di aggiornamento di due tre giorni, con supporti tecnici all’avanguardia: birre locali e stuzzichini pesanti. E si stanno formando nuove leve.

  12. il cacciatorino
    Set 13, 2009 @ 08:55:09

    Ah – e non le suoni Strano – la bandiera sarà di mortadella. Un vessillo che ha già fatto orgogliosa mostra di sé nelle aule parlamentari.

  13. fm
    Set 13, 2009 @ 10:38:15

    A questo punto non mancano che i peti da introdurre nello statuto. Da usare con moderazione per via dell’inquinamento ambientale già compromesso dalla enorme quantità di rifiuti solidi inurbani (sottospecie homo flatulens)

Leave a Reply