Lasciamola in pace

Noemi LetiziaPrima reazione alla notizia di Noemi in vacanza a Porto Rotondo.
Ma chi se ne frega. Lasciamola in pace. In fondo il diritto di vivere serenamente non ha nulla a che vedere con il quoziente intellettivo.

Seconda reazione, qualche minuto dopo.
Vedi un po’ questa ragazzina coatta che raggranella flash, articoli e righe di riflessioni (tipo queste) pur non offrendo nulla su cui ragionevolmente dibattere.

Terza e ultima reazione, ore dopo.
Noemi è il prodotto di una precisa politica sociale. Piccolo pensiero, grande immagine. E’ l’ambizione senza passione, il nulla che acquisisce forma in una reazione in cui l’unico catalizzatore è il potere cieco.
Noemi è una ragazza che meritava ben altro destino: un attualissimo lavoro part-time, sogni, discoteca nel fine settimana, allegre vacanze last minute, qualche fidanzato, matrimonio/convivenza, figli, cellulite, rigurgito di sogni, opaca serenità.
Invece è stata costretta dal destino, e da genitori decisamente spregiudicati, a recitare un ruolo di divetta raccomandata che non suscita neanche un sorriso, soltanto pietà (per lei e per noi stessi che ce la ritroviamo a ogni angolo di cronaca). Le è stata regalata una finta vita in cui il talento è nascosto nelle pieghe della pelle e non in quelle della mente.
Poveretta, lasciamola in pace.

  

7 Comments

  1. paolo beccari
    Ago 21, 2009 @ 08:04:23

    …. e così sia! R.I.P.

  2. fm
    Ago 21, 2009 @ 09:28:49

    E’ la sua immagine di divetta raccomandata, come la definisci, che non lascia in pace noi

  3. silvia
    Ago 21, 2009 @ 09:54:50

    Il quoziente intellettivo di Noemi non va sottovalutato. Noemi fa parte di una popolazione di divette in erba che riempiono le prime pagine e furoreggiano on line perchè hanno deciso di fare questo nella vita e non loro malgrado o semplicemente perchè suffragate da genitori di una contemporaneità spaventosa. Divette atteggiate a scimmiette non per questo stupide ma che hanno trovato il modo più facile di pagarsi l’affitto e fare lo shopping che vogliono. Noemi è chi per lei sono pasti quotidiani per lettori dal palato mai raffinato, per un utenza a cui piace guardare dal buco della serratura e che spia sotto lo slip delle teenagers in spiaggia. Altra popolazione folta. Lo sanno di essere guardate e non vogliono essere lasciate in pace.

  4. silvia
    Ago 21, 2009 @ 10:17:25

    E’ chiaro, alla base di tutto esiste una politica sociale, esistono individui-pecora che seguono passivamente il flusso della dimenticanza, orgogliosi di un non-pensiero dove i buchi sono destinati a riempirsi del nulla come le loro esistenze.

  5. Cinema and Cigarettes
    Ago 21, 2009 @ 15:47:22

    Lucidissima Silvia. Sottoscrivo.

  6. Cip
    Ago 22, 2009 @ 18:04:08

    mia, prima reazione: una razzina prostituita dalla madre in Italia è un personaggio, è uno schifo e io sono una bigotta fiera di esserlo.

    sempre mia, seconda reazione: come fa la suddetta ragazzina a pagarsi alberghi da 800 euro a notte?

    non parliamone più, ma forse è presto per lasciarla in pace.

  7. Scarsa Letizia | Gery Palazzotto
    Set 05, 2010 @ 09:49:40

    […] Serra oggi nella sua Amaca riprende un argomento a noi ben noto. 0 persone gradiscono questo post.Mi […]

Leave a Reply