Praticamente una gang bang

L'ullistrazione è di Gianni Allegra

L'illustrazione è di Gianni Allegra

Ieri il premier Silvio Berlusconi ha fatto il bilancio dei primi 14 mesi di vita del suo governo. Ecco i punti salienti del suo lungo intervento.

I giornalisti della Rai non possono attaccare il governo, mentre è auspicabile che si attacchino al tram.

Sempre più militari in strada, più precisamente in mezzo.

Con la Libia, la festa delle vendette è diventata la festa dell’amicizia. Donne e champagne li ho portati io.

Abbiamo risolto l’emergenza rifiuti a Napoli come a Palermo. Abbiamo tolto l’immondizia dai cassonetti e l’abbiamo gettata a mare. Ora provate ad appiccare il fuoco.

Col ritorno al nucleare gli italiani pagheranno meno l’energia. Nel paniere dell’Istat inseriremo le cure oncologiche.

Quella della scuola è stata una riforma di buon senso. Mandare i bambini a protestare per strada è stato un gesto di pessimo gusto: mi scrivono ancora molti poliziotti risentiti perché non gli erano stati forniti i manganelli adatti.

Alitalia è rimasta in mani italiane: vale il motto tutti per uno, uno per tutti. Praticamente una gang bang.

Contro di me solo calunnie. Non ho scheletri nell’armadio: sennò che minchia mi tenevo a fare tutte quelle tombe fenicie in cantina.

  

One Comment

  1. Lino Giusti
    Ago 08, 2009 @ 06:44:18

    Chapeau!

    ChaoLin

Leave a Reply