“Forte”, non “buona”

Poche parole

di Raffaella Catalano

Mi pare pretestuoso il trionfalismo di Berlusconi e dei suoi accoliti riguardo all’atteggiamento di Obama nei confronti del nostro premier. Il presidente americano ha parlato di Silvio solo in termini di “leadership forte”. “Forte” non è un giudizio di merito: né buono né cattivo. Mi è sembrata una valutazione molto diplomatica, quella di Obama. Soprattutto che non creasse dissapori e scompiglio in una terra martoriata come l’Abruzzo. Sarebbe stato inopportuno.
Ma di leadership forti il mondo, nel corso della storia, ne ha conosciute tante. Anche molto dannose. Non dimentichiamocelo.

  

6 Comments

  1. il cacciatorino
    Lug 11, 2009 @ 18:23:24

    Oggi voglio essere obiettivo, e persino controcorrente. Il G8 di Berlusconi è stato un evento mediatico mirabilmente orchestrato. In questo il signor B. e lo staff di cui si circonda sono imbattibili. Si è fatto in modo che persino i suoi più strenui oppositori avessero poco da dire, proprio perché ogni rampogna sarebbe apparsa fuori luogo. E anche pretestuosa in quel contesto e data la dignità dell’insieme, siamo giusti. Berlusconi – non mi stancherò mai di ripeterlo, anche se può sembrare scontato – è un grande comunicatore e un grande pianificatore di comunicazioni, come pochi se ne sono visti nel nostro paese se non in Europa. Lasciamo perdere per un attimo i tragici scivoloni personali, i tanti momenti in cui è senza briglie e perde la brocca e la sua fondamentale inaccettabilità come uomo alla guida di un governo. Qui sapeva di avere una carta preziosa da giocare e ha saputo giocarla al meglio. Un bel colpetto di spugna, direi. E la sinistra deve rendersi conto non solo dei limiti, ma anche dei talenti del suo avversario. Altrimenti continuerà sempre a girare su se stessa senza nemmeno uno straccio di possibilità di rivincita, a meno che quel giocatore imbattibile che è Berlusconi non si elimini da solo.

  2. Carla
    Lug 11, 2009 @ 18:40:27

    Benissimo. Se avrò bisogno di un organizzatore per la festa dei miei figli saprò a chi rivolgermi. Intanto adesso cerco uno che sappia governare con onestà e coerenza un paese…

  3. il cacciatorino
    Lug 11, 2009 @ 19:19:00

    @Carla: sì, detto quello che ho detto, sono assolutamente d’accordo.

  4. il cacciatorino
    Lug 12, 2009 @ 11:12:25

    Però corre anche l’obbligo di immaginarsi un G8 organizzato da Marino o da Bersani. Io non oso.

  5. Antipatico con le a antipatiche
    Lug 12, 2009 @ 16:37:29

    x carla: più che per la festa di mio figlio, mi rivolgerei al premier perché organizzasse la mia.

  6. il cacciatorino
    Lug 12, 2009 @ 20:42:45

    @Antipatico: lei come le vuole? Vestitino nero e un filo di trucco?

Leave a Reply