Tutto da rifare, grazie

Ad Augusto Minzolini bisognerebbe ricordare che, a parte l’attendibilità delle fonti, per valutare una notizia bisogna tenere conto della logica e, se possibile, della buona creanza del pubblico pagante. Il suo telegiornale, il Tg1, ha adottato un doppio (imbarazzante) paracadute nel caso di Berlusconi: non dare notizie spiacevoli (per il padrone) oppure darle con la veste di smentite schizofreniche (cioè comunicare al pubblico solo la reazione del premier, senza dar conto delle accuse). Da giornalista e, soprattutto, da abbonato Rai dico: non mi piace, tutto da rifare e presto. Grazie.

  

15 Comments

  1. Anonimo
    Giu 23, 2009 @ 08:05:49

    ma c’è o ci fa??

  2. faguni
    Giu 23, 2009 @ 09:34:11

    Bisogna preoccuparsi seriamente, quando un direttore di un tg nazionale
    definisce pettegolezzi le notizie che tutti i giornali e notiziari di tutto il mondo trattano come argomenti del giorno!
    Vergogna!

  3. Abbattiamo
    Giu 23, 2009 @ 09:37:04

    Infimo servilismo.

  4. faguni
    Giu 23, 2009 @ 10:35:20

    Che non appaia NOTIZIA il fatto che una sede istituzionale come palazzo Grazioli, venga adibita a locale privato per escort, veline, incontri intimi…
    che ci siano fotografie a dimostrare il tutto, che un presidente del consiglio elargisca gioielli e bustarelle qua e là… e che tutto questo non sia bastevole perchè un direttore di un Tg lo ritenga NOTIZIA fa capire
    in che regime totalitario e in che degrado morale arranchiamo.
    Minzolini andrebbe licenziato in tronco!

  5. Fabio
    Giu 23, 2009 @ 11:43:00

    Mi è sembrato anche seccato di dover dare una spiegazione al silenzio dei giorni precedenti.Infatti se Galimberti non fosse intervenuto( anche lui sembra vivere sulla luna…) , non avrebbe nemmeno fatto quest’intervento.
    Una riflessione: ma in tempi di comunicazione globale, non è un pò stupido cercare di nascondere le notizie?
    Dovrebbe essere rimosso anche per questo motivo…

  6. Fabio
    Giu 23, 2009 @ 13:57:17

    “La distinzione fra pubblico e privato è manichea: ripeto, un politico deve sapere che ogni aspetto della sua vita è pubblico. Se non accetta questa regola rinunci a fare il politico”
    (Fonte Repubblica.it)
    Indovinate chi ha detto mai queste parole?

  7. gianni allegra
    Giu 23, 2009 @ 14:06:49

    Ho appena saputo che è stato oscurato il blog di Piero Ricca per aver diffamato Emilo Fede.

  8. Abbattiamo
    Giu 23, 2009 @ 15:12:56

    @gianni: non è oscurato.

  9. gianni allegra
    Giu 23, 2009 @ 15:46:13

    @Abbattiamo: hai ragione, ma lo era nel momento in cui lo comunicavo. Notizia peraltro appresa dal blog di Alajmo. Spero sia stato solo un caso momentaneo.

  10. Gery Palazzotto
    Giu 23, 2009 @ 15:50:00

    @Fabio. Incredibile, ma vero. E’ un Minzolini d’annata. Secondo me, il collega in questione riuscirà a battere Capezzone per capacità di trasformazione (e ci misi pure una rima).

  11. Fabio
    Giu 23, 2009 @ 16:35:00

    Il trasformismo sta diventando lo sport più popolare tra gli italiani.
    mentre la memoria storica sta diventando sempre più un optional.
    Occhio che tra un pò inizierà la revisione dei libri di storia.

  12. faguni
    Giu 23, 2009 @ 17:41:49

    Capezzone è imbattibile! gli tocca l’ argento! a Minzolini il bronzo. L’ oro invece è tutto del Cav.STANISLAO MOULINSKY( si noti come nel finale del cognome si celi il personaggio tv), lui stesso non si riconosce tanto è abile nel trasformismo.

  13. il cacciatorino
    Giu 23, 2009 @ 19:53:25

    La faccia di Capezzone è una calamita per gli schiaffi.

  14. gianni allegra
    Giu 23, 2009 @ 19:59:21

    Dovremmo fare come Emilio Fido che sbaglia i nomi e chimarlo Capezzolone.

  15. gianni allegra
    Giu 23, 2009 @ 20:00:18

    “chimarlo”: io chimo, tu chimi, egli chime.

Leave a Reply